L’Abruzzo sotto la neve. I disagi maggiori nelle zone costiere

Previsioni ampiamente rispettate. Da questa mattina, sull’Abruzzo è tornata la neve e con lei i disagi. Sulle autostrade A24 Roma-Teramo e A25 Torano-Pescara, la neve scende giù copiosa. La circolazione va avanti a fatica mentre i mezzi spargisale e spazzaneve sono al lavoro. A differenza delle precipitazioni avvenute prima dell’ultimo Natale, stavolta la situazione è più fluida per la mancanza di mezzi pesanti, che nel fine settimana non circolano. Fiocca anche nel tratto adriatico della A14. La costa comunque risulta particolarmente colpita. Neve abbondante a  Chieti e a Lanciano, sui centri del sangrino e del vastese. La circolazione risente molto della situazione. Non va meglio nel teramano, in particolare nelle vallate del Vibrata e del Fino. Molto lavoro per i vigili del fuoco a causa della caduta di rami che si spezzano sotto il peso della neve. Gli spazzaneve sono al lavoro già dalle 5 e anche stando a quanto riferito dai Sindaci all’assessore alla viabilità, Elicio Romandini: “la situazione è abbastanza tranquilla e sotto controllo.  Da questa mattina sono in contatto diretto con tutti i Sindaci – ha dichiarato in proposito Romandini – proprio per avere continuamente il polso della situazione. Diciamo che fino ad ora è una “nevicata intelligente”; fa felice chi ama la montagna, gli sport invernali e gli operatori turistici ma non crea particolari problemi nei centri urbani e sulla rete viaria. E’ comunque una situazione impegnativa da fronteggiare perché nevica da molte ore e la rete stradale da monitorare è molto ampia visto che c’è neve anche a bassa quota. Ruote termiche e catene devono essere l’equipaggiamento di ogni autovettura: noi siamo pronti a spargere il sale se dovesse smettere e se dovesse abbassarsi la temperatura”.

Nevica abbondantemente nell’entroterra pescarese, sia nella zona vestina sia nella zona della Val Pescara. L’autostrada A25 è rimasta chiusa stamattina nel tratto tra Villanova e Popoli. Disagi sono stati registrati anche nella zona di Caramanico, Sant’Eufemia e San Valentino. Il maltempo ha provocato il rinvio della partita di serie B tra Pescara e Empoli, che si giocherà domani alle ore 15.

Giungono segnalazioni di difficoltà dal medio ed alto vastese, alto chietino, ortonese e dalla zona  dell’alto Sangro. Per far fronte al fermo dovuto al ricorso di un agenzia di somministrazione del lavoro interinale per la nuova gara di appalto eseguita di recente  si poteva prorogare il rapporto con la precedente, garantendosi così la necessaria copertura di personale per far fronte alle necessità riferite alla neve, pioggia e tutto quanto sovente accade d’inverno”. Camillo D’Amico, capogruppo in consiglio provinciale di Chieti del PD, denuncia in un comunicato diffuso nella serata di oggi, i disservizi causati alla circolazione in tutto il territorio. Una emergenza dovuta al fatto, secondo l’esponente della opposizione “all’ennesima prova della mancanza di pianificazione da parte delll’assessore e vice presidente della Provincia con delega alla viabilità, Antonio Tavani. Quanto avvenuto oggi ha un precedente quando nell’estate 2010 si provveduto al taglio delle erbe infestanti lungo le strade provinciali affidato ai comuni ed al ditte private. Il risultato fu deludente sul piano dell’efficacia e con forti dubbi di risparmio per le casse dell’ente”.

Il pericolo ora su tutta la rete regionale è il ghiaccio. Le precipitazioni infatti sono accompagnate da un vento particolamente freddo che accelera la formazione del ghiaccio.