Di Stefano presenta i dati del sondaggio su come voterebbero oggi i lancianesi

Non c’è ancora la tanto attesa classifica sui nomi più graditi da proporre all’elettorato come sindaco per il centro destra nella prossima primavera. I risultati non sono ancora completi e comunque vanno approfonditi meglio. Curiosità rinviata, quindi. Nel frattempo però, il sondaggio affidato alla società specializzata di Roma ha dato un primo significativo risultato sulle preferenze di voto sulle liste e sui candidati degli altri partiti e movimenti. E non solo. Le domande hanno riguardato anche la qualità della vita a Lanciano. Nel primo, come nel secondo quesito non sono mancate certo le sorprese, che alimenteranno la discussione politica nei prossimi giorni. Ma andiamo per ordine, esponendo i dati che oggi il senatore Fabrizio Di Stefano, vice coordinatore regionale del PdL ha reso noti alla luce del sondaggio che lo stesso Di Stefano aveva deciso di far fare per tastare il polso agli elettori lancianesi. I risultati forniti sono relativi alle 800 interviste realizzate dal 20 al 24 gennaio 2011 ai cittadini maggiorenni residenti nel comune di Lanciano. Le interviste telefoniche, rivolte a persone in età di voto stratificata per sesso e fascia d’età, secondo i dati dell’annuario statistico Istat 2010, sono state realizzate con l’ausilio del sitema C.A.T.I.CRMonitor, in licenza esclusiva della CRM – Consulting per la gestione computerizzata del questionario, da intervistatori esperti, con padronanza delle tecniche di rilevazione. La rilevazione è stata effettuata utilizzando 35 postazioni nelle fasce orarie in prossimità dei pasti (11-14.30 e 17-21), onde evitare la sovra presentazione di certe classi all’interno del campione. Ben 1148 cittadini non hanno voluto rispondere. Le prossime comunali interesseranno 30.676 votanti, di cui 14.661 maschi, pari al 47,79%, e 16.015 femmine, pari al 52,21%. In totale sono stati intervistati 382 maschi e 418 femmine, così divise per fasce d’età: la prima (18-24 anni) ha interessato 36 maschi e 34 femmine; la seconda (25-44), 138 maschi e 138 femmine; la terza (45-64) 122 maschi e 132 femmine; la quarta 65 e oltre, 86 maschi e 114 femmine. La prima domanda del sondaggio riguardava: “se si votasse oggi anche per l’elezione del Consiglio Comunale a quale lista/partito andrebbe il suo voto? Ebbene, lo scenario elettorale che ne è venuto fuori, per le liste di colazione, è questo: PDL 32,6%; FLI 1,9; MSI 2,7; La Destra 3,1; UDC 4,3; MPA 1,9; PENSIONATI 2,1. La somma delle percentuali pone il centrodestra al 48,6%. Per quanto riguarda le liste di centro sinistra, il PD si attesta sul 23,5%; l’IDV al 4,6; SEL al 2,7, Liberal Democratici LD allo 0,8; la FED. DELLA SIN. Al 2,2; i VERDI al 3,1; i RADICALI al 1,4. Complessivamente la coalizione ottiene il 38,3%. Per quanto concerne gli altri partiti, in particolare le liste civiche, il dato è il seguente: PROGETTO LANCIANO di Pino Valente si attesta al 9,5 per cento, mentre Alleanza per l’Italia all’1,4. La coalizione, complessivamente ottiene il 10,9%. Ci sono però delle considerazioni da fare per questi ultimi numeri. Al momento delle rilevazione risultano esserci solo 4 liste, che sono considerate sovrastimate rispetto al risultato finale. E’ caso di Progetto Lanciano, la cui notorietà è un fatto perché sulla scena politica da due anni: la percentuale ottenuta, quindi, potrebbe subire delle modifiche nel momento in cui saranno pubblicizzati altri raggruppamenti civici in vista del voto. Un altro dato da tener presente riguarda i partiti di destra, come l’MSI e La Destra che, storicamente, riscontrano un maggior consenso fino a qualche giorno prima del voto. Un altro dato riguarda i Pensionati, che riscuotono simpatie da parte dell’elettorato fino all’inizio della campagna elettorale, dopo di che si attestano a un terzo del dato rilevato.
L’altra domanda ha riguardato invece la qualità della vita a Lanciano: in particolare è stato chiesto se “lei è molto, abbastanza, poco, per niente soddisfatto del livello della qualità della vita a Lanciano?”. Le risposte sono state: molto soddisfatto 11.5%; abbastanza 46.3%; poco 29.7%; per niente 8.2%; non sa/non risponde 4.3%.

Futuro e Libertà presenta Marco Cipollone e Luca Antonelli

Emilio Nasuti, vice coordinatore regionale di Futuro e Libertà, ha presentato quest’oggi alla stampa nella sede di corso Trento e Trieste, il gruppo di Fli al consiglio comunale di Lanciano. Ne fanno parte gli ex consiglieri del Pdl Marco Cipollone, capogruppo, e Luca Antonelli. Il partito caro al presidente della Camera, Gianfranco Fini, prende consistenza e si avvia all’appuntamento elettorale. Il primo passo la costituzione del gruppo in assemblea civica: poi, raccogliere altre adesioni. E stando a quanto dichiarato da Nasuti, alla presenza del coordinatore provinciale di Chieti Alessandro Carbone e del capogruppo alla Regione, Berardo Rabbuffo, sono imminenti. Il Fli comunque, si presenterà agli elettori lancianesi con una propria lista e un proprio candidato sindaco. “Lanciano deve riappropriarsi del suo ruolo guida nel comprensorio coordinandosi anche con gli 11 comuni del circondario, in particolare in materia di sviluppo urbanistico.

Convegno dell’Udc su Legalità e sviluppo economico

Presso la Sala Convegni, Palazzo degli Studi, Corso Trento e Trieste, Lanciano, il prossimo 4 febbraio, l’Udc ha organizzato un convegno su Legalità e sviluppo economico: quale sviluppo per il territorio? Vi prendono parte Filippo Paolini Sindaco Comune di Lanciano, Enrico Di Giuseppantonio Presidente Provincia di Chieti, Coordinatore Regionale UDC, Antonio Menna Consigliere Regionale e Capogruppo UDC alla Regione Abruzzo, l’On.le Rodolfo De Laurentiis Consigliere Cda RAI e Presidente Coordinamento Regionale UDC. I lavori saranno moderati da Donato Fioriti Vice Segretario Associazione Stampa Abruzzese (FNSI). Introducono: Francesco Ciccarese Consigliere Comunale e Presidente Commissione Bilancio Comune di Lanciano; Silvio Bellano Esponente UDC. I relatori saranno Giacomo Cavuta Docente di Geografia Economica alla
Facoltà di Economia dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” Chieti-Pescara; Franco Maccari Segretario Generale Coisp Polizia; Achille Serra Senatore UDC e Membro 2ª Commissione permanente (Giustizia)