Prima trattativa conclusa dalla Virtus Lanciano a Milano: arrriva l’esterno d’attacco Titone

La Virtus Lanciano conclude il suo primo affare di calcio mercato e va a consolidare una zona del campo importante, come richiesto dallo stesso Camplone. Si tratta di Mario Titone 22 anni, attaccante di fascia, che arriva a titolo di prestito (con diritto di riscatto). Il giovane ha trascorso l’ultima stagione e mezza tra le fila dei modenesi, collezionando 21 presenze e una rete. Messo per il momento da parte le trattative a Milano – resta di sistemare qualche giocatore in uscita, in particolare Daniele Morante -, i rossoneri sono concentrati sulla gara di recupero con il Viareggio. Camplone dovrebbe avere tutti gli uomini a disposizione. Sul fronte toscano, invece, si lamentano alcune assenze, in particolare in difesa. Mancherà Fiale e forze anche Brighenti e Martina. In attacco invece tutto tranquillo. Ci saranno Riccardo Bocalon e Tommaso Marolda. Per Bocalon sarà l’esordio in maglia bianconera. Marolda ha invece smaltito i malanni che ne hanno pregiudicato l’impiego nelle ultime uscite di campionato. Il tecnico Scienza è deciso a conquistare un buon risultato dopo due sconfitte consecutive rimediate in campionato e soprattutto sfatare il tabù trasferta, che vede il Viareggio a secco di vittorie lontano da casa dal 5 settembre 2009, 2-1 a Foligno.

Per la gara di domani, gara di recupero della 21^ giornata del torneo di Prima Divisione, Camplone ha convocato i portieri Vincenzo Aridità e Mauro Chiodini: i difensori Paolo Antonioli, Tommaso Colombaretti, Vinicius Fedrigo Dall’Agnol, Salvatore Ferraro, Carlo Mammarella, Tommaso Romito; i centrocampisti Federico Amenta, Roberto D’Aversa, Domenico Di Cecco, Luiz Gabriel Sacilotto, Zsolt Tamasi; gli attaccanti Roberto Colussi, Francesco Di Gennaro, Riccardo Improta, Umberto Improta, Alessandro Tarquini, Mario Titone, Manuel Turchi, Ilyas Zeytulaev. Nella lista anche l’ultimo arivato Titone.

Nuovi partner per lo sportello unico della sport provinciale

Lo Sportello unico dello Sport della Provincia di Chieti apre le porte ad altri due partner che questa mattina hanno formalizzato la loro adesione sottoscrivendo il Protocollo d’intesa: si tratta dell’Ufficio Scolastico Provinciale e della Federazione medico sportiva provinciale che vanno ad affiancare La Provincia, il Coni provinciale e il Cus Chieti. Quello della Provincia di Chieti, che ha la propria sede operativa presso il Coni a Chieti,  è il primo Sportello unico dello Sport ad essere stato attivato in Italia. “Il nostro Sportello si apre finalmente ad altre organizzazioni che si occupano di sport per dare così un apporto completo alla promozione sportiva – ha detto il Presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio questa mattina nel corso della  conferenza stampa che ha accompagnato la firma del Protocollo, presenti il Presidente del Coni Gianfranco Milozzi, il Presidente del Cus Chieti Mario Di Marco, il Responsabile dell’Ufficio Scolastico provinciale Sandro Liberatore e il Delegato regionale della Federazione medico sportiva Aurelio Colozzi. Nel bilancio del 2011 – ha aggiunto il Presidente Di Giuseppantonio – destineremo a quest’iniziativa una somma adeguata pur nella difficoltà congiunturale in cui versa l’Ente”.

“Al di là dell’attività ordinaria dello Sportello unico già consolidata negli anni scorsi, ovvero di consulenza e assistenza in termini di informazioni sulla gestione fiscale delle associazioni, l’organizzazione di eventi e l’impiantistica – dice l’Assessore allo sport Silvio Tavoletta – , verranno proposti progetti orientati allo sviluppo del territorio, della cultura sportiva e della prevenzione. In particolare, ed è questo il senso della partecipazione della Federazione Medico sportiva e dell’Ufficio scolastico,  verranno poste in essere tutte quelle attività concrete volte alla diffusione della pratica e della formazione, anche orientata ai docenti delle scuole Primarie, che garantiscano l’accesso per tutti alla pratica sportiva sin dalla prima infanzia. In termini di prevenzione il progetto della Provincia di Chieti con lo Sportello è volto a creare un database dello sportivo nell’ottica della medicina dello sport, che lo segua e tenga traccia della vita sportiva ovunque egli si trovi nella nostra regione. Tale progetto pilota verrà proposto anche su base regionale chiedendo di attivare tutte quelle misure di controllo per le associazioni sportive che non rispettano il diritto alla salute dello sportivo. Lo Sportello unico, come già negli passati si è  occupato di turismo sportivo, ma da oggi così come promosso dalla tavola rotonda dell’anno scorse a cui partecipò il vice presidente del Cio, on. Mario Pescante – conclude Tavoletta – ,  tale risorsa per lo sviluppo del nostro territorio verrà organizzata in un progetto innovativo e multisettoriale che la Provincia di Chieti ha denominato “Natura Sportivà’”.