Scritte contro gli ebrei a Lanciano. Dura condanna delle forze politiche

Scritte offensive nei confronti dei Giudei e del giudaismo sono comparse in via Petragnani a qualche giorno di distanza dal Giorno della Memoria. Mani anonime hanno imbrattato i muri provocando la reazione delle forze politiche. Rifondazione comunista, i giovani comunisti, Socialismo 2000, l’Associazione partigiani d’Italia, la Fiom Cgil e il Comitato uniti contro la crisi, hanno subito condannano “il vile atto vandalico che offende la cultura e la storia di questa città. Una città medaglia d’oro al valor militare che ha fatto della resistenza il suo punto cardine, non può non condannare questi atti vili perpetuati evidentemente da chi non conosce la storia. Chiediamo con forza all’amministrazione comunale di cancellare quelle odiose scritte e condannare questo atto che offende la storia della città di Lanciano che ha ospitato la politica razziale internando un considerevole numero di ebrei. Invitiamo, inoltre, le forze dell’ordine a rintracciare questi oscuri e sinistri personaggi che offendono non solo la memoria di quanti sono caduti in mano delle forze nazi-fasciste, ma l’intera cittadinanza, che non può rimanere inerte dinanzi a questi atti e a partecipare alle iniziative che si terranno nei prossimi giorni”