Basket, in Serie A una vittoria tutto cuore per Teramo

Al Palascapriano una vittoria che vale oro per la Banca Tercas, non solo perché giunta a seguito di un tempo supplementare contro una formazione sulla carta superiore, ma perché la squadra abruzzese non ha perso la testa quando le cose si mettevano male ed ha compiuto una rimonta che a tratti è sembrata impossibile.

Primo quarto leggermente sottotono per la squadra di Ramagli che si trova da subito a dover inseguire un’Angelico per nulla intimorita da un gremito Palascapriano. Nonostante la buona partenza degli ospiti però i teramani riescono a non disunirsi e, presi per mano da De La Fuente, rispondono puntualmente agli attacchi avversari. I primi dieci minuti di gioco vedranno le due formazioni divise da 8 punti, sul 20-28 in favore di Biella. Al rientro in campo Teramo tenta di accorciare da subito le distanze con i canestri di Rullo, Biella è però brava a resistere e il botta e risposta tra le due compagini va avanti per diversi minuti lasciando la loro distanza invariata. A metà quarto però gli ospiti sembrano affondare la zampata decisiva. Approfittando della poco lucidità in attacco degli abruzzesi, Biella recupera palloni su palloni, mettendo a referto un parziale di 9-0 firmato dalla coppia Slaughter-Soragna. Sprofondati a -17 i ragazzi guidati da Soragna non si perdono d’animo e rientrano in partita grazie alla coppia statunitense Diener-Josh che realizzano 10 punti in due. In odore di rimonta sale in cattedra anche Zoroski, fino a questo momento un po’ in ombra, e completa la rimonta prima della pausa lunga. Si va al riposo sul 41-43. Il playmaker del Teramo non si ferma nella ripresa e realizza subito dai 6,25 la tripla del sorpasso, purtroppo però la partita è ancora lunga  e Biella non ci sta a sciupare il grosso bottino che aveva accumulato. La gara procede con grande equilibrio sino a due minuti dalla sirena quando, con Biella avanti di 5, Sosa inchioda la schiacciata che da’ la carica ai suoi e che, unita alla successiva realizzazione di Jurak da tre, vale il nuovo +10. Diener prova a limitare i danni ma l’esperienza di Soragna rimanda i teramani sotto al doppia cifra di distanza prima dell’ultimo quarto (52-63). L’ultima frazione di gara si apre sulla falsariga di come si era concluso il quarto precedente, nonostante il grande sforzo infatti, Teramo sembra non riuscire a ricucire il gap che la divide dalla squadra biellese. A partire dal 35° minuto però i padroni di casa ingranano la quarta e con una solida difesa unita ad un attacco prolifico riescono a recuperare punti sugli avversari riaprendo di fatto i giochi. A pochi minuti dal termine il Teramo riesce a mettere la testa avanti con il 2/2 di Boscagin dalla lunetta. Biella però non molla e con Sosa prima e Suton poi riprende le redini del gioco sul 73-76.

Nell’ultima azione della gara i padroni di casa vanno per i tre punti del pareggio con Diener che subisce fallo, dalla lunetta è glaciale lo statunitense e si va così al supplementare. Nei cinque minuti di extra time si prosegue sulla sottile linea di equilibrio che ha caratterizzato gli ultimi scampoli di partita, a pochi istanti dal termine, con Biella sul +1, sarà ancora una volta la precisione di Diener a cambiare le carte in tavola, la guardia teramana infatti realizza prima il sorpasso dall’area, poi l’allungo ancora una volta dalla lunetta. Il 2/2 finale di De La Fuente completa l’opera. Esplode il Palascapriano per una vittoria tanto cercata quanto sofferta, il Teramo si aggiudica l’incontro con il punteggio finale di 87-83.

Serie A 17. giornata, i risultati:

Benetton Treviso – Armani Jeans Milano: 76-59; Fabi Shoes Montegranaro – Montepaschi Siena: 70-74; Vanoli-Braga Cremona – Bennet Cantù: 68-71; Cimberio Varese – Air Avellino: 83-85; Lottomatica Roma – Scavolini Siviglia Pesaro: 85.53; Banca Tercas Teramo – Angelico Biella: 87-83; Canadian Solar Bologna – Enel Brindisi: 93-72; Pepsi Caserta – Dinamo Sassari: 90-94.

La ClassificaMontepaschi Siena 32; Armani Jeans Milano 26; Bennet Cantù 24; Fabi Shoes Montegranaro, Canadian Solar Bologna, Air Avellino 18; Scavolini Siviglia Pesaro, Pepsi Caserta, Lottomatica Roma 16; Angelico Biella, Cimberio Varese, Benetton Treviso, Dinamo Sassari 14; Vanoli-Braga Cremona 12; Enel Brindisi, Banca Tercas Teramo 10.

Serie B, vincono entrambe le compagini abruzzesi

Prosegue la corsa del Torre de’ Passeri, che da diverse settimane è in striscia positiva di risultati, questa volta ad incappare nella macchina ben oliata di coach Salvemini è stato il Sassari, al termine di una partita ampiamente controllata dagli abruzzesi dal primo all’ultimo minuto. Nel primo quarto di gioco dopo una brillante partenza degli ospiti la gara si incanala sui binari dell’equilibrio, nessuna delle due squadre infatti sembra poter firmare un primo allungo. A 3 minuti dalla prima sirena però, i padroni di casa alzano i ritmi e si portano avanti, allungando gradualmente il loro vantaggio sino al 29-14 con il quale si conclude il quarto. Nei secondi dieci minuti gli abruzzesi sono bravi ad amministrare il vantaggio e tenere distanti le velleità di rimonta avversaria, si va così all’intervallo lungo sul 53-35 in favore del Torre de’ Passeri.  Alla ripresa si rifanno sotto gli ospiti che con grande determinazione e spirito di sacrificio riescono a recuperare un po’ di distanza, chiudendo il terzo quarto in svantaggio di 12 punti, sul 63-51. Nell’ultimo quarto il Torre de’ Passeri lancia un chiaro messaggio al Sassari, chiudendo praticamente la gara nei primi cinque minuti nei quali la formazione di casa si riporta a quasi 20 punti di vantaggio (76-57). Il vantaggio accumulato è più che sufficiente per consentire al Torre de’ Passeri di chiudere la gara con 10 punti di margine, sul 81-71.

La capolista Chieti torna alla vittoria dopo la sconfitta dell’ultima giornata, a farne le spese questa volta è toccato al Giugliano. Sin dai primi istanti di gara i teatini provano ad imprimere il loro ritmo, tutto sembra andare secondo i piani di Sorgentone, infatti la formazione di casa conduce a due minuti dal termine del quarto di 11 punti. Forse un po’ troppa sicurezza nei propri mezzi però fa abbassare le difese del Chieti che si vedono ridurre le distanze fino al 13-9 della prima sirena. Nel secondo quarto dopo la strillata del coach i teatini tornano in campo determinati a riallungare il loro vantaggio, i ritmi sono nuovamente dettati dalla formazione di casa  e la forbice torna ad allargarsi fino al 39-23 prima dell’intervallo. Alla ripresa gli ospiti si rifanno pericolosamente sotto e grazie alle realizzazioni di Corvo e Di Napoli riescono a portarsi anche a -6, sul 43-37. La maggiore esperienza dei teatini però consente ai padroni di casa di gestire anche questa situazione e Feliciangeli e compagni spingono nuovamente gli avversari a -13 prima dell’ultima frazione. Nell’ultimo atto del match il Chieti mantiene la distanza accumulata nei precedenti tre quarti e chiude la gara sul 78-62. Con questa vittoria e la contemporanea sconfitta di Montegranaro, il Chieti torna ad avere 4 punti di vantaggio sulle inseguitrici, sicuramente un margine importante in un campionato così equilibrato.

Serie B 19. giornata, i risultati: Bimal Umbertide – Tiber Roma: 56-63; Stella Azzurra Roma – Russo Cagliari: 68-62; Gs Torre de’ Passeri – Reale Mutua Sassari: 81-71; Remet Fossombrone – Autosoft Scauri: 72-76; Basket Gualdo 96 – Dicearchia Pozzuoli: 89-57; BLS Chieti – Mediocasa Giugliano: 78-62; Naturino Civitanova . Officine Creative Montegranaro: 101-89; Ha riposato lo Spider Bk Fabriano.

La Classifica: Bls Chieti 30; Officine creative Montegranaro, Autosoft Scauri 26; Spider Bk Fabriano, Naturino Civitanova, Gs Torre de’ Passeri: 24; Mediocasa Giugliano 20; Basket Gualdo 96: 18; Remet Fossobrone, Stella Azzurra Roma 16; Reale Mutua Sassari 14; Russo Cagliari  12; Bimal Umbertide 10; Dicearchia Pozzuoli 4; Tiber Roma 2

Serie C dilettanti, week-end agrodolce per i colori abruzzesi

Le due facce del basket abruzzese della serie C si distinguono molto nitidamente nell’ultimo week-end di campionato, le due formazioni che lottano per il miglior piazzamento play-off, ovvero Pescara e Roseto, portano infatti a casa il risultato rispettivamente bel derby contro Giulianova la prima contro il Venafro la seconda. Le compagini alla ricerca della salvezza tornano tutte a casa con l’amaro in bocca, già detto di Giulianova, restano una BioFox Vasto irriconoscibile nella trasferta di Mola e un Sulmona che getta alle ortiche la partita nell’ultimo quarto.

Il Pescara ha ragione del Giulianova al termine di una gara equilibrata e per nulla scontata, che ha visto alla fine le due squadre divise da 6 punti. Nel primo quarto partono meglio  gli ospiti che spiazzano i padroni di casa giocando a grandi ritmi e chiudendo la prima frazione in vantaggio di 3 punti sul 17-20. Nei secondi dieci minuti di gioco il Pescara scende in campo vogliosa di recuperare e mettere al sicuro la partita, il Giulianova però gioca a grandi livelli e mantiene il vantaggio anche alla sirena di metà partita (38-39). La gara continua ad essere molto equilibrata e solo la maggior determinazione dei padroni di casa consente loro di mettere il naso avanti e chiudere prima dell’ultimo quarto in vantaggio di due punti (56-54). Nel finale nessuna delle due formazioni riesce ad affondare la zampata decisiva e si giunge punto a punto sino agli ultimi minuti, quando la maggior esperienza premia il Pescara. Il match si chiude 75-69.

Il Roseto tra le mura amiche ha ragione del Venafro solo all’ultimo quarto, dopo una rimonta spettacolare. Nel primo tempo di gioco gli abruzzesi soffrono l’alto ritmo degli ospiti che se la giocano alla pari con la compagine abruzzese, chiudendo avanti di 8 prima dell’intervallo, sul 32-40.

Dopo la pausa si vede una timida reazione dei padroni di casa che recuperano 4 punti prima degli ultimi dieci minuti di gioco. Nell’ultimo quarto i rosetani sembrano trasformati, i ragazzi di Francani segnano praticamente da ogni posizione mettendo a referto ben 37 punti nei soli dieci minuti di gioco finali, a fronte dei 18 concessi al Venafro. La gara si conclude sul’85-70, sicuramente una punizione troppo severa per un Venafro che era stato in controllo del match per i tre quarti di esso.

Brutta sconfitta per la BioFox Vasto in quel di Mola, i vastesi infatti restano a galla per il solo primo quarto, concluso 20-19 in favore dei padroni di casa. Nel secondo quarto i bianco-blu firmano quello che sarà l’allungo decisivo, concedendo ai vastesi solo 9 punti contro i 14 messi a referto da loro. Nonostante la pausa del primo tempo, il trend della partita non cambia e il Mola continua ad infierire su un Vasto privo di gioco e di idee. La gara si concluderà con il punteggio di 75-49.

Sulmona infine getta alle ortiche una partita ben giocata contro un avversario sulla carta superiore. Abruzzesi in vantaggio al termine dei primi venti minuti di  gioco, il tabellone luminoso infatti segna 30-24 in favore del Sulmona.  Al rientro in campo però gli abruzzesi non riescono a contenere il prevedibile ritorno degli ospiti, che riducono a due punti lo svantaggio al termine del terzo quarto. Nell’ultima frazione di gioco sembrano però tornare in campo solo gli ospiti, che alzando i ritmi e trovando maggiormente la via del canestro portano a casa il referto rosa con il risultato finale di 58-65.

Serie C regionale, nessuno stravolgimento in classifica

Nella 19. giornata del campionato regionale l’unico risultato da segnalare p la vittoria del Ripalimosani sul Popoli che consente ai molisani, complice la sconfitta di Martinsicuro ad Atri, consente alla Visure Online di portarsi a 24 punti, scavalcando proprio il Martinsicuro.

Per il resto vincono le quattro in vetta, rispettivamente Lanciano in trasferta ad Isernia, Atri come detto in casa sul T&T, San Vito ad Alba Adriatica e Teramo in casa con Roseto.

Tengono la marcia anche le dirette inseguitrici, confermando il grande equilibrio che sin dalle prime giornate ha caratterizzato questo campionato.

Serie C regionale 19. giornata, i risultati: Penta Basket Teramo – Basket Ball Roseto 77-58; Exit Isernia – BLS Lanciano 62-78; Pallacanestro Atri – T&T Martinsicuro 74-69; Alba Adriatica Basket – M3 Costruzioni San Vito 66-88; Fortitudo Teramo – Chieti Basket 68-64, Visure Online Ripalimosani – Side Popoli 86-64; Olimpia Campobasso – Nereto Basket 95-82; Basket Penne – Renit Campli 70-60

La ClassificaM3 Costruzioni San Vito, Pallacanestro Atri, Bls Lanciano, Penta Basket Teramo 30; Fortitudo Teramo, Basket Penne 26; Vis. Online Ripalimosani 24; Pallacanestro Martinsicuro, Renit Campli 22; Exit Isernia 16; Side Popoli 14; Olimpia Campobasso 12; Chieti Basket 10; Basket Ball Roseto 6; Nereto Basket 4; Alba Adriatica basket 2.