Cavità rocciosa di 60 milioni di anni fa scoperta a Giulianova

Scoperto a Giulianova  un geode la cui formazione risalirebbe a 60 milioni di anni fa. Il rinvenimento, non lontano dalla costa giuliese, è di Dante Di Pompeo, naturalista autodidatta del luogo, che da moltissimo tempo studia i materiali fossili del territorio circostante. Nei giorni scorsi l’appassionato ricercatore si è imbattuto in una situazione scientifica sicuramente enigmatica ed ancora priva di risposte esaustive. Il geode è una cavità rocciosa di forma tendenzialmente sferica al cui interno vivono migliaia di piccoli esseri, quasi microscopici, a forma di dischi volanti insieme a silice trasparente di colore azzurro. Di Pompeo ha deciso di pubblicizzare l’inusuale ed importante scoperta nella speranza che venga presa in esame da altri naturalisti in grado di decifrare il materiale rinvenuto.

Pescara, apre mostra su Donato Di Zio

Sono oltre 200 le opere di Donato Di Zio in mostra a Pescara, negli spazi dell’Aurum, da domani e fino al 27 marzo. Il capoluogo adriatico ospita dunque la prima grande antologica del pittore, scenografo, grafico e costumista (nato a Moscufo ma residente a Firenze) che esporrà disegni a inchiostro e china, incisioni, piatti in porcellana, due servizi da tè e caffè e cinque opere con progetti per gioielli, tutti realizzati tra il 1995 e oggi. A curare la mostra è Gillo Dorfles, che da anni segue e promuove l’arte di Di Zio. Dorfles sarà presente all’inaugurazione, in programma alle ore 16.30, insieme ad Annamaria Cirillo e ai rappresentanti delle istituzioni. Il catalogo è stato già presentato alla Feltrinelli di Milano il 24 gennaio, e anche in quella occasione c’erano Dorfles, Cirillo, Franco Grillini e Martina Mazzotta. Dall’8 aprile al 15 maggio prossimi l’esposizione sarà a Firenze, a Palazzo Strozzi.

Fossacesia rischia di non proporre Strabocchi in Musica 2011

Le difficoltà economiche e la mancanza di sostegno degli enti e delle istituzioni potrebbero far saltare la prossima edizione di Strabocchi in Musica, che da cinque anni si svolge sul Lungomare di Fossacesia, richiamando puntualmente migliaia di spettatori e di appassionati di musica dall’intero centro Italia. A lanciare l’allarme, Danilo Petragnani (foto a destra), esponente della lista Approdo per il futuro, che in consiglio comunale occupa i banchi del’opposizione. Petragnani ha raccolto l’appello dello staff dell’associazione Strabocchi Group che ha inviato un’accorata nota proprio per porre all’attenzione degli amministratori la situazione. “Sarebbe un vero peccato rinunciare a un appuntamento che coinvolge tutta la riviera adriatica, grazie all’elevato livello degli artisti invitati – dice Petragnani -. Senza contare che l’avvenimento rafforza l’offerta culturale e turistica di Fossacesia e dell’intero comprensorio, ritagliandosi un importante ruolo di aggregazione sociale per i giovani e con i ben noti risvolti in termini economici che tutti gli operatori hanno potuto constatare.Chiedo al Sindaco, al Vice sindaco e all’intera Giunta comunale di farsi carico di questa richiesta e di intraprendere ogni possibile azione per assicurare la manifestazione ed evitare di contribuire colpevolmente alla spiacevole ipotesi che la prossima estate Fossacesia sia completamente tagliata fuori dal calendario di eventi di primo piano del comprensorio frentano, dell’Abruzzo e dell’intero Adriatico”.