Pedaggio sull’Asse Attrezzato, vertice in Provincia di Pescara

Il presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa, ha convocato una riunione per domani mattina, a Palazzo dei Marmi, alle ore 11.30, per discutere del paventato pedaggio dell’asse attrezzato che potrebbe scattare il primo maggio. Alla riunione sono stati invitati a partecipare il presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, i sindaci di Pescara e San Giovanni Teatino, Luigi Albore Mascia e Verino Caldarelli, e i presidenti delle Camere di Commercio di Pescara e Chieti, Daniele Becci e Silvio Di Lorenzo. Testa spiega di voler “mantenere alta l’attenzione sulla questione del pedaggio dell’asse attrezzato. La approfondiamo – dice – con i rappresentanti di altri enti per individuare insieme i percorsi da seguire, dopo il ricorso al Tar Lazio presentato nel 2010 dalla Provincia di Pescara” (e di cui si è occupato poi anche il Consiglio di Stato). Ricordo – prosegue Testa – che siamo ancora in attesa di conoscere il pronunciamento del Tribunale amministrativo regionale su questo ricorso, dopo la sospensiva dell’estate scorsa che ha consentito di bloccare l’aumento del pedaggio autostradale. La Provincia si è anche rivolta all’Anas e al ministero dei Trasporti per chiedere l’esclusione dell’asse attrezzato Pescara-Chieti dai raccordi autostradali da sottoporre a pedaggio, considerate le caratteristiche di questa arteria, e ha chiesto di ammettere gli automobilisti alle agevolazioni che l’Anas andrà a definire insieme alle tratte che diventeranno a pagamento. Non abbiamo intenzione di fermarci – conclude Testa – e porteremo avanti le nostre ragioni, certi di poter contare sull’aiuto dei parlamentari abruzzesi”.