Provincia di Chieti, sui debiti fuori bilancio dossier del PD alle autorità di vigilanza e di controllo

Ci risiamo con la questione dei debiti fuori bilancio alla Provincia di Chieti. Da una parte il centro destra con il presidente Enrico Di Giuseppantonio in testa che subito dopo il suo insediamento denunciò che l’ente era in forte passivo; dall’altra, il centro sinistra pronto a far quadrato attorno all’ex presidente Tommaso Coletti, finito nel mirino degli avversari politici perché considerato come un presidente dalle ‘mani bucate’. Per 20 mesi le accuse sono volate da una parte all’altra, finite sistematiche sui media, con tanto di minaccia di ricorsi e alla istituzione di una commissione d’inchiesta allo scopo di far luce sugli anni, la natura l’entità degli stessi nell’interesse dei cittadini della provincia. Oggi, l’ultima puntata della sagra. In conferenza stampa il gruppo consiliare del PD ha annunciato di aver predisposto attraverso uno studio e una ricerca, una memoria che sarà inviata a tutte le autorità di vigilanza e di controllo per ricostruire l’attività dell’ente. “Coletti ha consegnato a Di Giuseppantonio una Provincia sana e con una cassa attiva. Da questo lavoro si evince che l’amministrazione precedente, ogni anno ad agosto, chiedeva ai dirigenti la sussistenza o meno di debiti fuori bilancio da riconoscere ai sensi degli articoli 193 e 194 del decreto legislativo 267 del 2000. L’ultima ricognizione è stata fatta ad agosto 2008 ed a settembre 2008, così come segnalato dai Dirigenti, il Consiglio Provinciale con delibera n. 79 del 30.09.2008, ha riconosciuto 393.986 euro di debiti fuori bilancio coperti con l’avanzo di amministrazione dell’anno 2007. Pertanto, a questa data, al netto di sentenze per controversie in corso, non ci dovrebbero essere altri debiti relativi agli anni precedenti. Abbiamo voluto interessare le autorità competenti perché siamo stufi di essere additati come coloro che hanno fatto debiti fuori bilancio in maniera irresponsabile e per porre fine ad un balletto di bugie e di disinformazione verso i cittadini, senza mai citare i numeri. L’amministrazione di centrosinistra presieduta da Coletti è stata un amministrazione attiva e pragmatica che ha conseguito risultati concreti a favore delle nostre popolazioni. Vogliamo che le autorità competenti ripristino la verità e la legittimità dell’azione amministrativa della Provincia di Chieti  e che gli stessi amministratori e gli stessi partiti della maggioranza prendano atto dell’errore che hanno commesso al momento dell’insediamento”.