Le ultime dalla Provincia di Chieti

La Sala del Consiglio della Provincia di Chieti ospiterà il prossimo sabato 19 febbraio 2011, a partire dalle ore 11.00, una conferenza stampa congiunta dei rappresentanti legali degli Enti abruzzesi che ospitano Centri e Punti della Rete EUROPE DIRECT attivi nella nostra regione. Nell’occasione verrà sottoscritto un protocollo di intesa tra l’ARSSA, la Provincia di Chieti, la Provincia di Pescara e i Comuni di Lanciano, Ortona, Roseto degli Abruzzi e Vasto, che rinnova il coordinamento e la collaborazione degli Enti in seno alla Rete EUROPE DIRECT Abruzzo. EUROPE DIRECT è la rete dell’Unione europea per la diffusione dell’informazione ai cittadini sulle attività, le politiche e i programmi delle Istituzioni europee. La Rete conta oltre 500 Centri in tutta l’UE, 49 dei quali in Italia.

Due dei Centri abruzzesi, ospitati dall’ARSSA ad Avezzano (AQ) e dall’Amministrazione provinciale a Chieti, hanno promosso un coordinamento regionale con altri Enti che ospitano Punti EUROPE DIRECT, che operano in raccordo funzionale con i Centri. Questi Punti sono ospitati dagli Enti Locali citati: Provincia di Pescara, Comuni di Lanciano, Ortona, Roseto degli Abruzzi e Vasto. Obiettivi principali dell’azione della Rete EUROPE DIRECT Abruzzo sono quelli di assicurare una diffusione dell’informazione sulle politiche europee integrata e coordinata su tutto il territorio abruzzese, anche attraverso la realizzazione di iniziative e campagne di informazione e comunicazione di rilevanza regionale. Progetti comuni verranno realizzati nell’ambito della Rete, seguendo l’esperienza portata avanti già negli ultimi anni. Le iniziative di informazione e comunicazione sull’Europa organizzate dalla Rete EUROPE DIRECT Abruzzo nell’intero territorio regionale hanno dimostrato come l’efficacia di azioni informative aumenti sensibilmente quando Enti diversi coordinano le proprie strutture che operano sui temi europei.

Il 2010 ha visto la gestione di un progetto sull’Anno europeo per la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale, realizzato in collaborazione con il Coordinamento dei Centri di Servizio per il Volontariato abruzzesi, l’Istituto Cinematografico dell’Aquila “La Lanterna Magica” e l’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo. E’ stato lanciato un concorso fotografico e poetico sul tema, denominato “PartecipAbruzzo: scoprire, raccontare e contrastare le povertà”, aperto alla partecipazione di tutti i cittadini abruzzesi. Le fotografie e le poesie pervenute sono state raccolte in un calendario che ci accompagnerà per il 2011, anno che le Istituzioni europee significativamente dedicano al tema del volontariato. Il 19 febbraio 2010, nell’occasione ufficiale della firma del protocollo di intesa della rete EUROPE DIRECT Abruzzo, saranno consegnati i premi ai vincitori del Concorso e verrà presentato il Calendario 2011 “PartecipAbruzzo: scoprire, raccontare e contrastare le povertà”.

Per la sezione fotografica “Particolari di povertà: il mio sguardo” sono risultati vincitori: Antonio Tommarelli, di Roseto degli Abruzzi (TE), con la fotografia “Il mondo si può cambiare”  Primo premio; Giuseppe Ciavatta, di San Salvo (CH), con la fotografia “Il guidatore” – Secondo premio; Riccardo Bruni, di Vasto (CH), con la fotografia “L’unico desiderio” – Terzo premio.

Per la sezione poetica “Particolari di povertà: i miei versi” sono risultati vincitori: Laura Rapali, di Roseto degli Abruzzi (TE), con la poesia “Un viandante distratto” – Primo premio; Cristina Santonastaso, di Pescara, con la poesia “L’equilibrista” – Secondo premio; Riccardo Santarelli, di Pescara, con la poesia “Senzatetto” – Terzo premio. Interverranno alla conferenza stampa: i Presidenti delle Province di Chieti e Pescara, Enrico Di Giuseppantonio e Guerino Testa, il Commissario Straordinario dell’ARSSA Gaetano Valente, il Sindaco di Lanciano, Filippo Paolini, di Ortona, Nicola Fratino, di Roseto degli Abruzzi, Franco Di Bonaventura, ed un Rappresentate del Comune di Vasto.

Incontro sulle Parti sociali, critico il PD

“La coerenza in politica è una virtù, non un difetto che mista a concretezza genera consenso stabile e duraturo”. Esordisce così il capogruppo del P.D. Camillo D’Amico a commento del primo incontro avuto con la parti sociali e datoriali dai gruppi di centro sinistra alla Provincia di Chieti –. “Avevamo detto di voler mettere in standby l’infinita storia dei debiti, con la dettagliata e documentata relazione rimessa ad autorità terze, e cominciare un duro ma costante lavoro di analisi e proposta su materie significative che toccano da vicino i cittadini amministrati ed il territorio; lo abbiamo iniziato con le parti sociali e datoriali, sulla scorta di un articolato documento redatto e curato dall’esperto collega Angelo Radica, sulla quale svilupperemo un costruttivo ed attento confronto di merito affinchè tematiche legate allo sviluppo degli investimenti e dell’occupazione non possano più essere affrontate solo con semplici spot o politiche rinunciatarie e remissive alla quale siamo stati abituati sinora. Non sarà un lavoro inutile perché proporremo alla maggioranza di centro – destra le risultanti di questo nostro percorso concertativo e la incalzeremo, per le competenze dirette ma anche per il necessario pungolo politico alle istituzioni superiori come la regione, per assumere iniziative concrete che rifuggano dalla solita poesia dell’immobilismo dovuto a carenza di fondi perché in queste materie occorre solo audacia ed iniziativa politica”.

“L’iniziativa non è campata in aria – continua il Consigliere Provinciale Angelo Radica – e non ha alcun valore strumentale ma risponde ad una precisa esigenza di aprire un confronto con le parti sociali e datoriali che, l’intero centro sinistra, avverte da tempo coprendo, nel contempo, uno spazio di incomunicabilità tra quest’ultime e   il centro destra al governo della  Provincia. Siamo arrivati all’assurdo che,  alcuni rappresentanti delle forze sociali,  ormai si elevano  a dettare anche l’agenda delle cose da fare  per il vuoto di idee e di iniziativa che si è generato. Lo spirito del documento da me presentato si allinea ai più ampi contenuti di quello regionale definito vertenza Abruzzo e mira a significare precisi ruoli e compiti in capo alla provincia oltre ad indicare attività immediate tese a dare ossigeno alle nostre imprese e risolvere qualche problema infrastrutturale presente nel territorio. Non abbiamo la presunzione di voler essere risolutivi ma solo propositivi ed aspettiamo Di Giuseppantonio & C. al successivo confronto di merito.”