La Sangritana potenzia i servizi di trasporto pubblico locale

Rinnova il suo parco auto la Sangritana e lo fa nel rispetto dell’ambiente, offrendo servizi migliori su mezzi moderni e sicuri. Questa mattina, la presentazione dei nuovi 25 bus (15 da 55 posti e 10 da 19 posti, 3 autobus e 2 minibus sono con pedane per diversamente abili), che si è tenuta nel piazzale antistante gli uffici della centenaria società di trasporto frentana. Alla cerimonia sono intervenuti l’assessore ai trasporti della Regione Abruzzo, Giandonato Morra, il senatore Fabrizio Di Stefano, il presidente della commissione bilancio della Regione Abruzzo, Emilio Nasuti, il capogruppo dell’Udc in Regione Abruzzo, Antonio Menna, il sindaco di Lanciano, Filippo Paolini, numerosi sindaci del comprensorio lancianese, il presidente e vice presidente dell’Arpa, Massimo Cirulli e Stefano Diano. I nuovi mezzi su gomma sono stati benedetti dall’arcivescovo della diocesi di Lanciano-Ortona Emidio Cipollone. Per la Ferrovia Adriatico Sangritana spa, società per azioni di trasporti con socio unico la Regione Abruzzo si è trattato di un investimento di 3,7 milioni di euro. Una politica che non entra in contrasto con le finalità che la Regione persegue, cioé quello di aumentare la sua presenza su ferro. E’ noto, infatti, che sono stati avviati una serie di incontri con Trenitalia per fare in modo che i treni della Sangritana coprano determinate tratte (L’Aquila-Sulmona-Carpignone, Vasto-Bologna, Pescara-Roma) aumentando e migliorando i servizi regionali. “La Sangritana – ha detto l’assessore Marra (nella foto a destra con il presidente Di Nardo) – ha davanti a se un un futuro su rotaia, sia per il merci (l’ultimo anno ha visto un notevole incremento nel settore), che per il trasporto pubblico. Allo stato attuale svolge un servizio su gomma – aggiunge l’assessore – che da oggi in poi sarà sensibilmente migliorato. Agli operai, agli studenti, agli anziani e a tutti gli utenti è offerta la possibilità di viaggiare in maniera confortevole e moderna con mezzi eco-compatibili”.  “Abbiano rinnovato il parco mezzi portando la media anni dei nostri mezzi ai livelli europei – ha detto il presidente del cda della Sangritana, Pasquale Di Nardo -. Nel 2010, infatti, avevamo una media vetustà di 11 anni, nel 2011 scendiamo a 7 anni”. Si tratta di macchine moderne, confortevoli, eco-compatibili essendo tutti motori euro 5″.

I nuovi bus sono già entrati in funzione. Ora s’aspetta che migliorino i servizi biglietteria e i controlli sui mezzi su gomma e su ferro, soprattutto per quest’ultimo.