Petrolio, Di Giuseppantonio ora chiede di continuare il confronto sugli idrocarburi in Abruzzo

Un tavolo di confronto “serio e corretto ma lontano dai riflettori, per mettere le opinioni a confronto e scrivere l’ultimo capitolo di questo libro”. E’ la proposta, accolta in maniera unanime, che il Presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio ha lanciato nel corso del suo intervento alla della giornata di studio sul tema Gli idrocarburi in Abruzzo: conoscenza, territorio, impresa e lavoro, tenutasi lo scorso 18 febbraio presso l’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” a Chieti. “Mi sono impegnato a convocare entro il prossimo mese di marzo – sottolinea Di Giuseppantonio – un tavolo di confronto lontano dalla ribalta mediatica, che veda tutti insieme, istituzioni, forze politiche, associazioni e movimenti ambientalisti, Confindustria e mondo imprenditoriale, organizzazioni sindacali e tecnici”

“Un tema delicato, come quello dell’estrazione petrolifera in Abruzzo a cui ribadisco la mia contrarietà, e dell’industria ad essa collegata – ha detto Di Giuseppantonio – non può essere solo terreno di scontro ideologico né passerella su cui salire quando più forte è la pressione dell’opinione pubblica. Su tema è ora di confrontarsi non sulla spinta della ricerca di visibilità ma per raggiungere una posizione che sia la più chiara e condivisa possibile. Ciascuno si deve assumere la responsabilità di quello che dice e di quello che pensa”.