Si apre uno spiraglio con la Honda per i lavoratori della Verlecchi

I lavoratori della Verlicchi di Casoli, hanno deciso per una tregua allo stato di agitazione proclamato ieri in attesa di conoscere gli sviluppi delle trattative con la Honda Italia per la quale la società casolana produce componenti per le moto. Tutti e 68 dipendenti dell’azienda sono ora con il fiato sospeso, in attesa di sapere quale sarà il loro futuro. “La situazione finanziaria è critica per il gruppo Verlicchi di Bologna – dice Nicola Manzi, segretario provinciale Uilm in una nota stampa -. Si parla con insistenza di rischio fallimento. Da Bologna sono arrivati in Abruzzo i vertici della Verlicchi e nell’occasione sono state confermate le voci che il Gruppo rischia il fallimento trascinandosi dietro le tre aziende situate a Bologna, Casoli e Atessa, che danno occupazione a circa 300 dipendenti. Inoltre ci risulta che i fornitori locali devono riscuotere oltre 2 milioni di euro, cifra destinata a salire. Visto che la Honda rischiava il fermo produttivo nel giro di un paio di giorni, per la mancanza di pezzi della Verlicchi Casoli, una delegazione sindacale composta da Uilm e Fiom si è presentata alla Honda ed è stata ricevuta dal direttore Silvio Di Lorenzo. Nel corso dell’incontro la delegazione sindacale ha chiesto e ottenuto rassicurazioni circa la continuità del lavoro che sarà garantito per i lavoratori della Verlicchi anche di fronte ad un tracollo finanziario. I lavoratori – chiude Manzi – hanno accordato una settimana di tregua sindacale per permettere alla Verlicchi di trovare un nuovo acquirente e garantire la continuità del ciclo produttivo della Honda. Un nuovo incontro con i dirigenti Verlicchi si terrà martedì 1 marzo, ore 14, per avere risposte sul futuro dell’azienda”.

Formazione diretta, pubblicato il bando per il corso di “Tourist Promoter”

È stato pubblicato il bando per l’ammissione al corso gratuito – organizzato dall’Assessorato al Lavoro e alla Formazione professionale della Provincia di Teramo nell’ambito della formazione direttamente gestita dall’ente – di “Tourist Promoter”, cioè operatore della promozione turistica. Il corso è destinato ad un numero massimo di 25 disoccupati o inoccupati, purché maggiorenni, in possesso del diploma di scuola superiore.  Tra i requisiti richiesti, la residenza o il domicilio in provincia di Teramo e la buona conoscenza della lingua tedesca. Il corso, per il quale è previsto l’obbligo di frequenza, avrà una durata di 446 ore di cui 80 ore di stage. È prevista un’indennità di frequenza pari a 2 euro l’ora per ciascun allievo e il rimborso di vitto e trasporto per lo stage.  Le domande di iscrizione possono essere presentate a partire da oggi e fino al 7 marzo, dalle ore 8 alle ore 14 e nei giorni di martedì, dalle ore 15 alle 18, presso il Settore Lavoro e Formazione professionale della Provincia, in Via Taraschi 9. Il modulo è disponibile anche on-line insieme all’avviso. I candidati in possesso dei requisiti dovranno presentarsi, per essere sottoposti a selezione, il giorno 8 marzo, alle ore 10, sempre nella sede del Settore Lavoro. Per la formazione diretta, come annunciato, la Provincia ha programmato per l’anno in corso,  con una dote di 532.500 euro, 7 nuovi corsi di formazione tra i quali – oltre a quello per tourist promoter – tre corsi per operatore EDP e gli altri per estetista, lingua inglese e skipper.

Social Weeks “Arte&Natura” Roseto, Giulianova, Morro D’Oro, Atri e Pineto

“Quest’anno abbiamo scelto l’Abruzzo per dare un importante segnale di ripresa e di ottimismo al rilancio del turismo in una regione che ancora paga le conseguenze del terremoto”. Con queste parole Massimiliano Monti, delegato del Ministero del Turismo ha presentato in una conferenza stampa l’iniziativa Social Weeks “Arte&Natura” in programma dal 23 al 25 febbraio tra Roseto, Giulianova, Morro D’Oro, Atri e Pineto. “La mancata partecipazione alla Borsa del Turismo di Milano, che la Regione ha stabilito in maniera unilaterale senza coinvolgere gli enti locali, ha provocato un indubbio danno al turismo abruzzese- ha detto l’Assessore al Turismo Antonio Porrini – per questo insieme all’Amministrazione comunale, mi sono adoperato per recuperare questo gap, cercando di individuare nuovi segmenti di utenza. Si deve leggere in questa ottica la visita  che oltre cento responsabili del turismo delle più importanti associazioni della terza età, provenienti dall’intero territorio nazionale, effettueranno a Roseto nella giornata di giovedì 24 febbraio”. Gli ospiti saranno ricevuti nella tarda mattinata nei saloni della Villa Comunale dove potranno visitare la Pinacoteca Civica. A seguire un banchetto con le specialità gastronomiche offerte dalla Squisita. Nel pomeriggio visita a Montepagano e alle strutture ricettive e cena di gala  al Bellavista con la collaborazione del Lido D’Abruzzo. Secondo le ultime statistiche del Censis sono oltre cinque milioni gli ultrasessantenni che ogni anno programmano un viaggio di piacere, per trascorrere una vacanza o visitare una città d’arte. Se si considera che solo in Italia si contano 16 milioni di anziani e 140mila in tutta Europa si comprende bene come questo segmento rappresenti un punto di forza del turismo del domani. Nel corso delle tre giornate gli ospiti visiteranno anche l’Abbazia di Santa Maria di Propezzano patrimonio dell’Unesco. “ Si tratta di un’occasione molto importante per la promozione del nostro territorio – ha dichiarato il Sindaco di Morro D’Oro Mario De Santis.  Questa iniziativa ci permette di sperimentare una sinergia tra diverse amministrazioni – ha sottolineato il Sindaco di Roseto Franco Di Bonaventura –e la promozione del turismo sociale valorizza i nostri sforzi per ampliare la stagione turistica attraverso la destagionalizzazione”.