Operazioni della Mobile di Pescara e dei carabinieri di Ortona

Arrestato dopo aver rapinato una prostituta. La squadra mobile di Pescara ha infatti tratto in arresto Thioub Guilaye, di anni 23, cittadinanza senegalese, clandestino. Tra le due e tre di questa mattina, presso gli uffici della Polizia Ferroviaria una cittadina italiana, di professione prostituta, sporgeva denuncia in quanto poco prima un cittadino straniero di origine senegalese,  minacciandola con un coltello, le aveva sottratto 40 euro e un telefonino in via Lago di Como, in Montesilvano, fuggendo via a bordo di una Fiat Bravo. Una pattuglia si metteva alla ricerca che veniva intercettata in via Tiburtina. Gli agenti, dopo essersi appostati in attesa che l’autore del reato tornasse a riprendere il veicolo, lo sorprendevano mentre si accingeva ad aprire con le chiavi lo sportello e lo traevano in arresto per il reato di rapina aggravata.

Nel corso di specifici servizi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere Rancitelli, la Squadra Mobile della Questura di Pescara, nel pomeriggio di ieri, ha tratto in arresto S.P., di anni 33, trovato in possesso di 20 grammi di cocaina e 10 di eroina. Nella tarda serata,  personale del Reparto Prevenzione Crimine in servizio di controllo del territorio in Montesilvano, in viale Europa, procedeva al controllo di M.S. di anni 20,  insospettiti dal fatto che il giovane passeggiava nascondendosi dietro le autovetture in sosta, con il volto celato da una sciarpa. Fermato dalla Polizia il giovane spingeva uno degli operatori e fuggiva a piedi, ma raggiunto, tentava più volte di divincolarsi scalciando e spintonando i poliziotti. Una volta “neutralizzato” veniva trovato in possesso di gr. 13 di sostanza stupefacente del tipo marijuana, suddivisa in 12 dosi, nonché della somma di 90 euro, successivamente sequestrata. Il giovane veniva tratto in arresto per spaccio e resistenza a pubblico ufficiale. Intorno alle 2.00 del mattino, la Polizia Stradale rintracciava in via Lago di Scanno, Marco Brambilla, di anni 31, sottoposto al regime della detenzione domiciliare, e pertanto lo traeva in arresto per il reato di evasione.

I carabinieri della Compagnia di Ortona hanno eseguito ieri  un servizio a largo raggio per il controllo coordinato delterritorio, nell’ambito del quale sono state denunciate in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria, 4 persone tra cui due cittadini romeni gravati da precedenti di polizia. Con un autocarro i due sono stati sorpresi mentre procedevano  alla raccolta e al trasporto di rifiuti pericolosi e materiale ferroso, senza la prevista autorizzazione; l’automezzo e il materiale sono stati sottoposti a sequestro. Un 58enne di Torino di Sangro e un 43 anni di Vasto, uno titolare di un esercizio commerciale e l’altro come fornitore di giochi e congegni elettronici per il gioco lecito, sono stati denunciati per l’uso di 2 “slot machines” senza effettuare il collegamento dei congegni alla rete telematica dei Monopoli di Stato. Gli apparecchi elettronici sono stati sottoposti a sequestro penale. Nell’ambito delle verifiche sugli apparecchi elettronici da trattenimento per il gioco lecito, sono stati controllati 25 esercizi pubblici, in stretta collaborazione con i referenti dell’Ufficio Regionale dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato di Pescara sono stati controllati 78 automezzi e identificate 108 persone, di cui n. 8 stranieri.