Riserva Naturale di Punta Aderci, villa abusiva scoperta dalla Finanza

Le Fiamme Gialle del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno sequestrato un’area di 900 metri quadri e un ex casello ferroviario trasformato in villa sulla vecchia linea dismessa Rimini – Termoli. I finanzieri hanno così scoperto un vero e proprio caso di abusivismo edilizio all’interno della Riserva Naturale di Punta Aderci. Il proprietario, un sessantasettenne di Roma, aveva richiesto .di poter consolidare quella struttura ma, incurante del vincolo ambientale gravante sull’area, ha effettuato una serie di lavori che ha trasformato il vecchio casello in una residenza di lusso. Oltre il proprietario è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria anche il direttore dei lavori, professionista che proprio la Guardia di Finanza pescarese aveva già segnalato alla magistratura per un altro caso di abuso edilizio lunga la costa abruzzese. Il vecchio tracciato ferroviario, ed in particolare gli ex caselli ferroviari, sono difatti da anni al centro di una mirata speculazione edilizia, rappresentando un ottimo affare in quanto, a fronte di un acquisto di poche migliaia di euro, vengono poi trasformati in lussuose abitazioni, vicino al mare. Sono proprio i mezzi aerei e navali del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara che la Guardia di Finanza utilizza per il controllo del territorio costiero, a supporto dei Reparti territoriali al fine di evitare che la costa abruzzese, con il proprio caratteristico paesaggio, possa essere deturpata dal “mattone selvaggio” scongiurando così la compromissione dell’eco sistema. La nuova costruzione scoperta è stata sequestrata dai finanzieri che hanno operato sotto la direzione del Sostituto Procuratore di Vasto, Dott. Giancarlo Ciano.