6 Aprile: il Presidente Napolitano domani torna a L’Aquila

“Esprimo grande soddisfazione, riconoscenza e  gratitudine al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per aver accettato l’invito del Comune dell’Aquila a partecipare alla messa solenne in ricordo delle vittime del 6 aprile 2009”.

Con queste parole il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente ha commentato la conferma del Quirinale rispetto alla presenza del Capo dello Stato alle celebrazioni per il secondo anniversario del sisma.

“La presenza del Capo dello Stato – ha proseguito Cialente – rende commossi e onorati tutti gli aquilani ed è stata accolta con entusiasmo e con un applauso spontaneo e fragoroso dal Consiglio Comunale, dopo l’annuncio dato durante la seduta di ieri, poiché testimonia, da un lato, l’affetto e la vicinanza che il presidente Napolitano ha dimostrato fin dalle prime ore del 6 aprile 2009 per le popolazioni del cratere, e dall’altro rappresenta simbolicamente i sentimenti di solidarietà e condivisione dell’intero popolo italiano rispetto alla tragedia che ci ha colpito”. Il sindaco ha espresso sentimenti di gratitudine anche per la partecipazione del sottosegretario Letta.

“Ringrazio inoltre il sottosegretario alla Presidenza del consiglio  Gianni Letta, che è stato sempre vicino alle istituzioni e alla popolazione aquilana,  – ha dichiarato ancora Cialente – per aver accolto il nostro invito a rappresentare il Governo italiano durante la solenne funzione in basilica”.

Dopo l’approvazione, da parte del consiglio comunale, della modifica allo Statuto per l’istituzione di una giornata di lutto il 6 aprile di ogni anno, il sindaco Cialente ha stabilito, con un’ordinanza, l’osservazione di 5 minuti di silenzio, alle ore 11 di domani, mercoledì 6 aprile, “nelle scuole di ogni ordine e grado, negli uffici pubblici e in tutti i luoghi di lavoro”.

“A nome dell’intera municipalità – ha dichiarato Cialente –  invito tutti i cittadini, ovunque si trovino, nel proprio luogo di lavoro, negli uffici, nelle scuole, nelle università, come anche per strada, a osservare 5 minuti di silenzio e di raccoglimento in ricordo delle vittime. Vorrei – ha concluso il sindaco – che la città si fermasse per omaggiare in maniera sommessa e partecipata coloro che hanno perso la vita nel sisma e che tanto ci mancano, soprattutto i più giovani, i bambini e gli studenti che erano stati affidati a noi dalle loro famiglie”.

L’ordinanza sindacale invita altresì “gli esercizi commerciali, tramite le associazioni di categoria, gli uffici pubblici, le organizzazioni sociali, produttive e culturali a partecipare al lutto nelle forme autonomamente decise”.