Ai domiciliari due medici del Sert di Lanciano

Clara Levante, 57 anni, e il fratello Vittorio, 56, rispettivamente responsabile e vice-responsabile del Sert di Lanciano, sono agli arresti domiciliari su ordinanza del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Lanciano, Francesca Del Villano Aceto, con l’accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato, peculato, concussione e falso in atto pubblico. La Del Villano ha accolto la richiesta della misura cautelare avanzata dal pubblico ministero, Rosaria Vecchi, a conclusione di una inchiesta, partita nell’agosto 2010.

Le ordinanze sono state eseguite dagli agenti del commissariato di Lanciano. Secondo le accuse, sarebbero state verificate prolungate assenze dal lavoro dei due medici, che in quei periodo avrebbero svolto altre attività di carattere professionale. La direttrice Levante avrebbe falsamente utilizzato la propria posizione per effettuare prestazioni sanitarie ai propri familiari facendoli passare come soggetti in cura al Sert. Inoltre la dottoressa, durante delle malattie retribuite, prestava attività libero professionale retribuite presso altre strutture. Particolari che sono stati spiegati oggi, nel corso di una conferenza stampa dal dirigente del commissariato di Lanciano, Katia Basilico. La polizia giudiziaria presso la Procura di Lanciano ha tenuto sott’occhio i due, con pedinamenti e riprese video. Al momento della notifica della custodia cautelare sono stati trovati e sequestrati nelle case dei fratelli Levante alcuni medicinali riportanti la dicitura ‘per uso ospedaliero’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *