A Fossacesia agricoltori in piazza per dire no al parco della Costa Teatina

Stamani a Fossacesia è andata in scena la protesta degli agricoltori che sono nettamente contrari alla costituzione del Parco della Costa Teatina. Le strade della cittadina costiera sono state letteralmente invase da decine e decine di trattori di ogni tipo che, lentamente e tra la curiosità della gente, hanno attraversato le vie del centro urbano provocando non pochi problemi al traffico veicolare. La contestazione era rivolta ovviamente ai politici locali che, anche se a certe condizioni, sostengono l’istituzione della riserva naturale che, lo ricordiamo, di fatto è stata già sancita con un’apposita legge dello Stato. Ciò che resta da fare è quindi solo la delimitazione dei confini del Parco che, se non verrà decisa al più presto dai Comuni interessati, sarà disegnata alla meno peggio dal Governo che purtroppo non conosce la realtà locale. Ma perché i contadini non vogliono il Parco? «Istituire la riserva senza tener conto della realtà territoriale significa  bloccare per sempre lo sviluppo sia economico che sociale dell’intera area frentana – sostengono gli organizzatori della manifestazione. – Con l’istituzione del Parco saranno imposti ulteriori vincoli sulle poche aree non ancora vincolate, rischiando di annullare tutto il lavoro che i nostri avi hanno fatto nel tempo per realizzare un percorso economico e di miglioramento della vita». Gli agricoltori sono comunque favorevoli ai vincoli già esistenti per la tutela delle aree di risulta dell’ex tracciato ferroviario da riservare al pubblico utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *