Discarica di Serre, assolti amministratori comunali di Lanciano

Assoluzione per tutti gli imputati del processo sull’ex discarica di contrada Serre di Lanciano. Questa mattina il giudice del tribunale di Lanciano, Francesco Marino, ha emesso la sentenza di assoluzione in primo grado perché “il fatto – omessa bonifica del sito dopo la chiusura, ndr – non è previsto dalla legge come reato” per Mario Ciccocioppo e Nico Frattura, rispettivamente presidente e responsabile tecnico della Ecologica Sangro srl, la società concessionaria che aveva in gestione la discarica al momento della chiusura. Il giudice ha poi assolto “perché il fatto non sussiste” gli altri 4 imputati: Graziella Di Campli, assessore all’Ambiente del comune di Lanciano dal 2003 al 2005, difesa dall’avvocato Alfonso Ucci del foro di Lanciano; Eugenio Caporella, prima dirigente del settore e poi assessore all’ambiente dal 2006 al 2008, difeso dall’avvocato Massimo Ritucci; Mario Rulli, difeso dall’avvocato Nicola Paglione e Giovan Battista Granà, difeso dall’avvocato Giuseppe Russo, dirigenti del settore Ambiente del comune di Lanciano nel periodo che va dal 2003 al 2008. Gli imputati erano accusati in concorso tra loro per non aver provveduto a mettere in sicurezza il sito dopo l’omessa bonifica dell’Ecologica Sangro “ai sensi dell’art.17 del decreto legislativo 22/2007”. Il pm, Gina Petaccia, aveva chiesto nell’ultima udienza dell’11 luglio la condanna a 6 mesi per Ciccocioppo e Frattura e il minimo della pena per gli altri 4 imputati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *