La mobile di Pescara sequestra 22,564 chilogrammi di hashish. Operazione dei carabinieri Montesilvano a

La Squadra  Mobile  di Pescara, unitamente a quella di Latina, titolare dell’indagine in corso, nel primo pomeriggio di ieri ha tratto in arresto Fabio Pompilio, di 43 anni, di Pescara, mentre gli altri sono Vincenzo Mentone, di 44 anni, di Quarto (Napoli), Francesco Bonetti, di 42 anni di Bergamo e Gennaro Annunziata, di 45 anni di Napoli, per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Durante i controlli sono stati rinvenuti  22,564 chilogrammi di hashish. Gli arrestati dopo le formalità di rito, sono stati associati presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Un servizio straordinario di controllo del territorio, effettuato ieri sera dai carabinieri della Compagnia di Montesilvano, si è concluso con l’arresto di una persona per furto, un sequestro di materiale contraffatto, nonché l’identificazione di due clandestini, la contravvenzione di 5 prostitute e 6 contravvenzioni nei confronti di altrettanti automobilisti per violazioni al Codice della strada. Nel mirino dell’Arma anche i paninari, due dei quali rischiano una sanzione di oltre mille euro. Il servizio è stato espletato dalle ore 19 alle 21, a Montesilvano e Città Sant’Angelo, con sei pattuglie, una unità cinofila di Chieti e un elicottero del 5° Nucleo di Falconara Marittima (Ancona). L’arrestato è  Ianos Ivanyi, 21enne, rumeno, in Italia senza fissa dimora. Alle 19.30 circa ha rubato dagli espositori di un negozio del centro commerciale “Pescara nord” dei capi di abbigliamento per uomo, nascondendoli in uno zaino schermato con carta alluminio, uno stratagemma che consente di oltrepassare le casse senza che le etichette antitaccheggio azionino il sistema di allarme. Il giovane è stato subito bloccato dal personale del centro commerciale e dai militari del Radiomobile, già avvisati e giunti immediatamente sul posto. La  refurtiva, del valore di circa 200 euro, è stata  recuperata e restituita al negozio. L’ arrestato è stato trattenuto in camera di sicurezza, in  attesa del rito direttissimo, fissato per oggi. Il materiale contraffatto è stato invece sequestrato sul lungomare di Montesilvano, dove è stato effettuato un blitz per contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale. Nel corso dei controlli, sono stati bloccati due cittadini senegalesi di 26 e 28 anni, risultati clandestini, che avevano posizionato la merce sul marciapiede per l’esposizione e la vendita. Si tratta di borse contraffate delle più note marche, per un totale di circa 50 pezzi, tutti sequestrati. I clandestini sono stati accompagnati questa mattina in Questura per i provvedimenti di espulsione. Sempre sul lungomare di Montesilvano, nonché a Città Sant’Angelo, sono state controllate, invece, le prostitute a lavoro lungo la strada. I militari ne hanno contravvenzionate 5 (ognuna per 309 euro), ai sensi del Regolamento comunale di polizia urbana. Le contravvenzioni al Cds hanno riguardato automobilisti senza cintura di sicurezza o alla guida con il cellulare. Controllati, in totale, 42 autoveicoli e 76 persone. Sul fronte dei paninari, i carabinieri si sono fermati in sei strutture, tutte a Montesilvano. Due di loro, che vendevano regolarmente birra nonostante sia vietato, rischiano una sanzione di 1.032 euro, ma sarà il Prefetto – informato della violazione – a stabilirlo. Uno dei  due teneva la birra nascosta dietro dei cartoni ma le bottiglie sono state comunque individuate. Uno di questi ambulanti, poi, è stato segnalato al Comune per occupazione abusiva del suolo pubblico avendo sistemato tavoli e sedie per i clienti senza la necessaria autorizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *