Amministrative Lanciano, domani il Tar si pronuncia sul ricorso del PdL

Si conoscerà domani in mattinata la decisione del Tar di Pescara sul ricorso presentato dalla coalizione di centrodestra uscita sconfitta dalle recenti elezioni amministrative di Lanciano. Il ricorso è stato discusso questa mattina alla presenza degli avvocati delle parti e di Marco Di Domenico, avvocato e consigliere eletto nelle fila della minoranza del Pdl, che ha sollevato eccezione di incostituzionalità sulla questione. Nel ricorso promosso dal candidato sindaco sconfitto, Ermando Bozza, dalla sua lista civica e dagli eletti dell’Udc, oltre che dai diretti interessati Riccardo La Morgia e Angelo Palmieri, primi dei non eletti, si chiede l’annullamento del premio di maggioranza assegnato dall’ufficio elettorale del tribunale di Lanciano al sindaco in carica, Mario Pupillo. Con il premio di maggioranza, assegnato sulla base dei voti validi, sono stati destinati all’attuale maggioranza 14 seggi su 24 in consiglio comunale. “Il mio intervento nella controversia da altri introdotta – spiega Di Domenico in una nota – è motivato da una duplice necessità: politica, per dare maggiore impulso all’iniziativa già intrapresa e della quale sono stato convinto assertore fin dal primo momento, e tecnica, per dare maggior vigore e valenza alle argomentazioni giuridiche circa il diritto al premio di maggioranza”. Di Domenico, ex assessore all’Urbanistica della precedente amministrazione Paolini, e’ assistito in udienza da Massimo Cirulli, mentre i ricorrenti sono assistiti dagli avvocati Luigi Toppeta e Nicola Paglione, entrambi del foro di Lanciano. Nella stessa udienza si è discusso anche del ricorso promosso da Vincenzo Maranzano, primo dei non eletti del Partito Democratico, assistito dall’avv. Rosella Ferrara dello Studio Legnini, il quale chiede che al centro sinistra venga attribuito il quindicesimo seggio a scapito di Luca Antonelli, unico consigliere eletto di Energie Nuove, lista ispirata dal consigliere regionale Emilio Nasuti (Gruppo Misto). Anche su questo ricorso è attesa per domani la decisione del Tar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *