Pescara, la Finanza sequestra yacht

Le Fiamme Gialle del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno sequestrato nel Porto turistico di Pescara il lussuoso yacth.

Il natante, colpito da un decreto di sequestro emesso dalla Dott.ssa  Elena Carusillo, giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Foggia, non era stato rintracciato allorquando nel luglio di quest’anno i finanzieri del Nucleo Polizia Tributaria e gli agenti del Commissariato di Cerignola avevano eseguito una serie di provvedimenti della Procura della cittadina daunia nei confronti di una associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione ed al riciclaggio di veicoli industriali.

Al termine di indagini patrimoniali svolte congiuntamente tra Fiamme Gialle e Polizia di Stato, furono sequestrati, in base alla normativa antimafia, 16 beni immobili (terreni e appartamenti, tutti a Cerignola), varie auto, un conto corrente e due imbarcazioni da diporto., tutti nella disponibilità di gruppo criminale locale e per un valore commerciale complessivo di oltre 2,3 milioni di euro.

Alla base del provvedimento del gip  la palese sproporzione dei redditi e delle attività dichiarate dagli imputati con il reale tenore di vita e la ricchezza posseduta direttamente o tramite presta nomi.

Lo yacht sequestrato in Pescara dagli uomini del Tenente Colonnello Ceccarini  batte bandiera italiana, lungo 16 metri ed è risultato intestato ad una società operante nel settore del commercio di autoveicoli nuovi e usati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *