Sbloccati 255 milioni di euro in favore dell’Abruzzo e della sanità abruzzese

Il Consiglio dei ministri ha sbloccato 255 milioni di euro in favore dell’Abruzzo e della sanità abruzzese. Lo ha comunicato il presidente della Giunta regionale e commissario ad acta per la sanità, Gianni Chiodi, dopo la decisione del Governo nazionale, riunito questa mattina a Roma. L’assegnazione delle ingenti risorse è un effetto della verifica positiva del Tavolo di monitoraggio del 20 luglio scorso, durante il quale si è accertato l’equilibrio di bilancio, e sulla base del quale lo stesso Tavolo ha autorizzato il Governo ad erogare le risorse. “E’ una notizia di fondamentale importanza per la sanità abruzzese, un esempio di che cosa voglia dire risanare le casse regionali ed un fatto politico miliare per questo Governo regionale – ha commentato il presidente Chiodi – perché si tratta di un risultato imputabile esclusivamente alle iniziative messe in campo nel 2010. Per la sanità abruzzese – ha aggiunto – è una evenienza che aspettavano per agire, fondi alla mano, nella direzione di quel modello di sanità che fa leva sulla qualità tecnologica delle strumentazione, sulla qualificazione del personale e sulla correttezza ed appropriatezza dei servizi offerti. Questo significa – ha spiegato il Presidente – che faremo importanti investimenti in moderne tecnologie, infrastrutture e personale, sono previste assunzioni per 200 medici, con l’obiettivo di offrire ai cittadini abruzzesi un servizio di elevato livello qualitativo come accade in tutte le regioni più avanzate d’Italia. La nostra politica di risanamento – ha concluso il Presidente – perseguita tra i mugugni e il malpancismo dei populisti comincia a produrre i suoi effetti e spero che bastino a convincere che l’Abruzzo ha bisogno di una politica seria e di scelte decisive e responsabili”.

Domani Chiodi sarà a Roma, presso la sede del Dipartimento per lo Sviluppo delle economie territoriali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, (DISET), per sottoscrivere il Protocollo d’Intesa per la realizzazione della “via verde” della Costa dei Trabocchi nelle aree di risulta dell’ex tracciato ferroviario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *