Via Verde della Costa dei Trabocchi, ora c’è l’intesa per la realizzazione

A Roma, presso il Dipartimento per lo Sviluppo delle Economie del Territorio (DISET) della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il presidente della Regione, Gianni Chiodi, ha siglato il Protocollo d’Intesa per la realizzazione della Via Verde della Costa dei Trabocchi. Oltre a Chiodi, hanno sottoscritto il protocollo il Capo Dipartimento, Alessandro Di Loreto, Rete Ferroviaria Italiana e il presidente della provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio. Il protocollo in questione coinvolge anche Invitalia, Ancitel, Unicef Abruzzo, Camera di Commercio di Chieti, Confindustria provinciale di Chieti ed i Comuni di Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Casalbordino, Vasto e San Salvo. Il progetto complessivo prevede la creazione di un itinerario lineare ciclo-pedonale di circa 140 chilometri, da Martinsicuro a San Salvo che si inserisce all’interno del corridoio nazionale verde adriatico, da Ravenna a Santa Maria di Leuca, lungo circa 1000 chilometri, dei quali molti tratti, anche in Abruzzo, sono già in esercizio o già progettati o in fase di realizzazione. Con l’intesa di oggi, RFI si è impegnata a cedere alla Provincia di Chieti tutte le aree di risulta del dismesso tracciato ferroviario ubicato nei Comuni del tratto litoraneo da Ortona a Vasto e degli immobili esistenti. «La Regione Abruzzo – ha dichiarato il presidente Chiodi – ha un interesse strategico allo sviluppo del turismo e questo progetto va proprio nella direzione di perseguire un nuovo modello di offerta turistica di qualità che, in questo caso, passa attraverso la valorizzazione della Costa dei Trabocchi. Si tratta di un progetto complesso – ha commentato Chiodi – anche alla luce della molteplicità dei soggetti istituzionali coinvolti e delle opere da realizzare. L’obiettivo primario è quello di creare le premesse per una rigenerazione economica e di salvaguardia ambientale della fascia costiera. A tal proposito, ritengo fondamentale il coinvolgimento della Provincia di Chieti, delle amministrazioni comunali e di tutte quelle realtà che sono in grado di fornire un contributo determinante per la concretizzazione del progetto nel quale, oltretutto, crede molto lo stesso Governo nazionale». La Regione, in particolare, è impegnata a contribuire al finanziamento degli interventi attraverso i fondi Par-FAS 2007-2013 ed a promuovere la partecipazione finanziaria di soggetti privati al fine di valorizzare le strutture ricettive ed i servizi al turismo. Intanto, il presidente Chiodi, lasciato il tavolo del DISET, si è recato a Palazzo Chigi per la fissare la data dell’incontro con il Governo per il Patto per lo Sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *