Abolizione piccoli tribunali, si mobilita il Sindacato Avvocati Pescara

Il Sindacato Avvocati Pescara si attiverà, attraverso l’ L’Associazione Nazionale Forense, contro la minacciata abolizione – così come prospettata – dei tribunali di Vasto, Lanciano, Sulmona e Avezzano, chiedendo che la riforma della geografia giudiziaria dei tribunali venga discussa e varata nel contesto di un intervento globale sulle afferenti questioni della giustizia italiana.

Lo si legge in una nota stampa diramata oggi, a firma del presidente, Marcello Pacifico, nella quale si pone in evidenza come per la situazione dell’Abruzzo “i tribunali che si vorrebbe abolire costituiscono dei presidi territorialmente ben definiti, rispondenti ad idonee aree geografiche di riferimento, con adeguato carico di lavoro, ma carenti negli organici quanto a magistrati e personale. La loro soppressione – si afferma – comporterebbe di fatto una forte compromissione della tutela giurisdizionale dei residenti, peraltro costretti, diversamente, a dover sopportare ulteriori rilevanti disagi sia sotto l’aspetto logistico che economico. A ciò aggiungasi che i tribunali “provinciali” cui essi dovrebbero essere accorparti (forse diventandone sedi distaccate ?!?) non sono in grado di far fronte ad esigenze maggiori rispetto a quelle attualmente sostenute. Tutto ciò è inaccettabile per una società evoluta, in cui taluni diritti insopprimibili del cittadino, quali quello alla salute ed alla tutela giudiziaria, devono invece continuare a ricevere quel riconoscimento primario che la Costituzione riconosce e garantisce. Desta peraltro stupore come possa parlarsi di soppressione dei cd. tribunali minori quando invece assai più opportuna sarebbe l’abolizione delle attuali “sezioni distaccate” di vari tribunali, non solo abruzzesi, esse sì fonte di disservizi funzionali ormai conclamati e di oneri economici gravosi ed ingiustificati, uffici tenuti in piedi solo da interessi politici localistici che mal si contemperano con l’esigenza asserita di contenere le spese della giustizia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *