Fulvio Rocco de Marinis nuovo Prefetto di Chieti

Ha assunto oggi le funzioni di prefetto di Chieti Fulvio Rocco de Marinis, fino a ieri prefetto di Vercelli dove era stato per due anni. Napoletano, 59 anni, laureato in Gurisprudenza, de Marinis è stato nominato vice prefetto vicario di Pescara nel 2006, ha conseguito la nomina a Prefetto nella seduta del Consiglio dei Ministri del 21 dicembre 2007, dopo un periodo di reggenza della stessa Prefettura. Nel corso del 2008 è diventato Ispettore Generale di Amministrazione ed ha presieduto, negli anni 2008 e 2009, i Collegi ispettivi incaricati di effettuare ispezioni ed inchieste presso numerose Prefetture. Ha svolto le funzioni di Commissario Straordinarioÿ presso il Comuni di Montesilvano, ai temi dell’inchiesta «Ciclone»e Orta di Atella in provincia di Caserta. Questa mattina, nell’incontro con la stampa a Chieti, il nuovo prefetto ha voluto sottolineare gli anni in cui è stato commissario straordinario presso i Comuni. «Ho avuto mondo di constatare quali e quanti sono i problemi che un sindaco deve affrontare ogni giorno – ha detto Rocco de Marinis – ed è per questo che i sindaci mi avranno particolarmente vicino. Quello è stato un periodo abbastanza duro – ha detto riferendosi agli 8 mesi trascorsi a Montesilvano, la popolazione era sconvolta da ciò che era accaduto e voleva essere tranquillizzata. E io ci tenevo che i cittadini non si dovessero sentire colpevolizzati. Per quanto riguarda la situazione di Chieti e provincia ho già parlato con i due prefetti che mi hanno preceduto e che mi hanno lasciato un messaggio tranquillizante. Per quanto riguarda l’ordine pubblico ci siamo già incontrati con i vertici ed abbiamo fatto una ricognizione: la situazione è abbastanza sotto controllo ma non prendiamo nulla sottogamba. Sono felice di essere a Chieti perchè mi sento anche al riparo dal rischio di sparire: non nascondo che quando ero a Vercelli e si cominciò a parlare di soppressione delle province ero un pò preoccupato. Qui è importante sapere che siamo salvi».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *