Ancora in crescita l’attività navale a Punta Penna di Vasto

L’attività svolta dallo scalo marittimo di Punta Penna di Vasto, conferma il valore strategico della logistica portuale regionale abruzzese, che rappresenta un punto di forza, di notevole importanza, per il tessuto industriale dell’intera area a cavallo tra l’Abruzzo e il Molise.
Infatti, negli ultimi giorni, c’è stato grande movimento al porto. Solo nell’ultima settimana sono state movimentate quasi 40mila tonnellate di merce alla rinfusa e 350 furgoni. La prima nave a fare approdo allo scalo di Vasto è stata la motonave Sea, carica di fosfato bioammonico, proveniente dal Marocco. L’ultima imbarcazione, in ordine di tempo, a salpare per raggiungere la Russia è stata la Neptune Okeanis che ha imbarcato 350 furgoni della Sevel. La nave, prima di poter caricare gli automezzi, a causa delle banchine commerciali particolarmente impegnate, ha dovuto sostare in rada per due giorni, costringendo le agenzie e le imprese di servizio portuale a lavorare anche nelle ore notturne. Mentre, la motonave Kom, una delle imbarcazioni di stazza più grandi approdate a Vasto, con ben 10mila tonnellate di fertilizzante della Puccioni è partita, nella tarda mattinata di oggi, per raggiungere il porto di Necochea in Argentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *