I gruppi di minoranza in Provincia di Chieti chiedono chiarezza sui bilanci dell’ente

“Il bilancio consuntivo del 2010 della provincia di Chieti verrà approvato in forte ritardo rispetto ai tempi prescritti; questa situazione fa il paio con quello in cui, questo centro – destra a guida Udc, approva il bilancio di previsione e, tutto ciò, incide molto sull’esercizio della capacità d’investimento dell’ente con i ritardi ormai noti nel territorio. E’ un bilancio con moltissime ombre verso la quale attendiamo molti chiarimenti dalla maggioranza”. E’ quanto affermano in una nota congiunta i gruppi consiliari del P.D., IDV, Sel e Federazione della Sinistra, presenti all’interno del Consiglio Provinciale di Chieti. “L’anno 2010 è in pareggio sostanziale nell’aritmetica tra entrate ed uscite ma mantiene ancora un forte disavanzo, quasi quanto quello del contestato e poco chiaro consuntivo del 2009 osservato criticamente nel merito anche dalla sezione regionale della corte dei conti, nonostante le entrate riferite alla vendita degli immobili, pari a circa € 1.500.000, ed alla cancellazione di alcune partite legate ai residui attivi, pari a circa € 400.000. Appare chiaro che non s’intende ridurre il disavanzo, come buona amministrazione vorrebbe, ma continuare a vivacchiare sul nulla addossando la responsabilità ad altri. E’ bene sempre rammentare che, per la parte che ci compete, siamo sempre stati disponibili a fare chiarezza su ogni partita debitoria ma, la maggioranza per sua esclusiva colpa e responsabilità, non ha voluto mai approfondire. Noi, oltre voler chiedere chiarezza su molte ombre del consuntivo 2010 fortemente contestato nel merito anche dal collegio dei revisori dei conti, chiederemo formalmente l’approfondimento di ogni voce relativa ai residui attivi e passivi per ridare credibilità e trasparenza alla situazione finanziaria dell’ente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *