Progetto Lanciano e Rinnoviamo Lanciano: “Basta scippare la città. Il Consorzio di Bonifica deve restare qui”

Le Liste civiche Progetto Lanciano e Rinnoviamo Lanciano lanciano un appello affinché ci sia una forte azione politica dei sindaci frentani, coordinata dall’Amministrazione Comunale di Lanciano, per sventare l’ennesimo tentativo di scippo perpetrato ai danni della Frentania. Lo scippo in questione è quello relativo alla vendita, con conseguente chiusura della sede frentana, del Consorzio di Bonifica.
“Continua infatti l’assalto all’autonomia del territorio che dopo aver perso la sede Asl, il tentativo di delocalizzazione dell’Ospedale di Lanciano e con la paventata chiusura del Tribunale deve purtroppo apprendere della decisione dell’abbandono della città da parte dello storico Consorzio di Bonifica – affermano quelli di Progetto Lanciano e Rinnoviamo Lanciano -. Una scelta incomprensibile che penalizzerà pesantemente la maggioranza dei consorziati del consorzio stesso. Ma di questo aspetto fondamentale il Presidente Marchetti sembra disinteressarsi completamente!  E’ infatti da sottolineare come  i terreni del comprensorio vastese, sottoposti a contribuenza, sono stati progressivamente ridotti in modo considerevole con l’approvazione dei vari Piani di Classifica e di Riparto e che il bacino frentano eroga il servizio irriguo su una superficie di circa 7.800 ettari; il bacino vastese su una superficie di circa 2.700 ettari. A ciò corrisponde, peraltro, un gettito contributivo che vede i consorziati della Frentana partecipare alle spese di gestione dell’Ente per circa  i 2/3. Nonostante i numeri parlino chiaro la politica prende decisioni incomprensibile agli occhi dei cittadini con conseguenti pesanti ripercussioni nei confronti della maggioranza degli utenti del Consorzio. Non si amministra quindi per andare incontro alle esigenze degli amministrati bensì per soddisfare le esigenze politiche dei potenti di turno. Dobbiamo altresì rilevare che i progetti di salvataggio della sede frentana del Consorzio di Bonifica, avanzati nei mesi scorsi dal consigliere regionale Nasuti, sono purtroppo miseramente caduti nel vuoto dimostrando ancora una volta lo scarso peso politico del nostro territorio nelle partite decisive per la salvaguardia degli interessi del popolo frentano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *