Si fingono ubriachi e tentato di rubare in un bar. Arrestati. In manette anche due ladri di biciclette

Due romeni completamente ubriachi sono stati bloccati e arrestati questa mattina dagli agenti della squadra volante all’interno di uno stabilimento balneare del lungomare Nord di Pescara. I due, che hanno 36 e 29 anni, si sono presentati al bar con atteggiamenti molesti e hanno infastidito i presenti. Hanno anche detto di avere una pistola, che fingevano di avere sotto la maglia, ma in realtà era un bluff. All’arrivo del personale di polizia uno dei due ha reagito tentando di prendere la pistola di un agente ma i romeni sono stati fermati e arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e violenza privata, considerato che nel bar hanno creato un bel pò di confusione. Domani la direttissima.

Sono accusati di aver rubato due biciclette nel centro di Pescara e di aver reagito contro gli agenti della polizia che poco dopo li hanno bloccati a bordo dei due mezzi. Per questo un uomo e una donna sono stati arrestati a Pescara con le accuse di furto aggravato in concorso, resistenza a pubblico ufficiale, minacce aggravate e lesioni. I due sono Alfonso Costantini, di 45 anni di Montesilvano, e la convivente Priscilla Leonci di 36 anni di Pescara. Sono stati notati in piazza Sacro Cuore mentre tagliavano la catena delle bici e le portavano via per cui è partita la segnalazione al 113. La squadra volante ha cominciato a cercarli e li ha notati, trattandosi di persone note alle forze dell’ordine. Quando sono stati bloccati si sono ribellati e un poliziotto è rimasto ferito (8 giorni di prognosi). Poi sono stati accompagnati in questura, dove si è presentata la madre di Costantini che ha comunicato a inveire contro i poliziotti ed è stata denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale. Le bici sono state recuperate. Da individuare i proprietari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *