Le bellezze d’Abruzzo su Iphone e Ipad

“Il progetto è nato con l’obiettivo di far conoscere ancora meglio il nostro territorio dal punto di vista culturale. L’Abruzzo è una regione che può contare su bellezze artistiche e culturali di primissimo piano con chiese, castelli e siti archeologici straordinari. Mettere in vetrina queste bellezze è dunque prioritario anche perché – ha proseguito l’assessore – al fianco delle immagini del sito culturale, ci saranno notizie di carattere turistico, enogastronomico e anche stradale. Informazioni a tutto tondo per illustrare e mostrare non solo le bellezze del monumento, ma anche le peculiarità della città o del paese che ospita il sito culturale, e come raggiungerlo”.E’ quanto affermato l’assessore alle Politiche Culturali Luigi De Fanis, che oggi a Pescara, ha presentato “Mirabilia Abruzzo”, una applicazione completamente gratuita per Iphone e Ipad sulle bellezze artistiche, culturali e le proposte enogastronomiche abruzzesi.

Il progetto, unico nel suo genere, è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione culturale di Volontariato Akedà. “Questa è solo la prima parte di un progetto ambizioso che come assessorato alle Politiche Culturali stiamo studiando da tempo. Entro il 2012, con la disponibilità dei Fondi Fas per la cultura, vorremmo realizzare un grosso progetto telematico per la divulgazione di queste immagini e notizie sui monumenti abruzzesi in tutto il mondo, sempre tramite l’applicazione per Iphone e Ipad che abbiamo presentato oggi. Ampliare il progetto Mirabilia Abruzzo – ha concluso l’assessore Luigi De Fanis – porterebbe innumerevoli vantaggi al movimento turistico-culturale della nostra regione, che negli ultimi anni si è mostrato in costante crescita”. L’applicazione sarà disponibile entro le prossime due settimane in italiano e in inglese. Sono quaranta i siti culturali scelti, in rappresentanza delle quattro Province abruzzesi. A disposizione ci sarà una vastissima galleria fotografica con oltre 400 immagini ad alta risoluzione. Alla conferenza stampa di questa mattina ha partecipato anche Silvia Moretta, presidente di Akedà, ed ideatrice del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *