Di Nardo (Sangritana) a Fagnilli (IdV): “Garantiti i collegamenti della linea 18”

“La preoccupazione del consigliere provinciale Palmerino Fagnilli, pur del tutto legittima e comprensibile, è esagerata e crea un ingiustificato allarmismo verso le popolazioni dell’entroterra come se venissero mal servite o penalizzate. Dal 2 ottobre 2011 i viaggiatori della zona di Gamberale possono continuare a raggiungere Lanciano con la Linea 18 e proseguire per Chieti, Pescara, Roma, usufruendo di altre corse treno ed autobus in programma, dovendo effettuare al massimo due cambi in coincidenza, come peraltro fanno tanti connazionali per raggiungere le destinazioni più varie”.

Non si è fatta attendere al risposta del presidente della Sangritana, Pasquale Di Nardo, al consigliere provinciale dell’IdV, Palmerino Fagnilli, ex sindaco di Pizzoferrato, che nei giorni scorsi aveva sollecitato lo stesso Di Nardo e il presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio perché non fosse soppressa la linea 18 della società di trasporto frentana che collega le località montane del Sangro con Lanciano e altre città abruzzesi.

“La Sangritana – ricorda Di Nardo -, azienda regionale di trasporti con socio unico la Regione Abruzzo, recependo le disposizioni della Legge Finanziaria Regionale 2011, ha prontamente progettato un piano generale di ristrutturazione, tenendo in considerazione le priorità connesse alla salvaguardia del pendolarismo lavorativo e scolastico, dei servizi a domanda debole e della tutela delle zone montane ed interne maggiormente disagiate. Detto piano di ristrutturazione, che ha previsto una riduzione delle percorrenze annue del 10%, tiene esclusivamente conto della sovrapposizione di corse gestite da vettori diversi sulle stesse percorrenze. Infatti la Linea 18 sarà garantita fino a Lanciano, conservando l’orario di partenza giornaliera alle ore 6.15 ed arrivo a Lanciano alle ore 8.00. Ciò in considerazione sia del fatto che è l’unica a servire in questa fascia oraria il territorio interessato e sia perché è giustificabile, soprattutto nel periodo scolastico. Lo dimostra anche il fatto che, giunta a Quadri, questa linea automobilistica prevede una “corsa bis” per garantire il trasporto ai quasi 100 studenti presenti. E’ stato però verificato che, una volta giunta a Lanciano, detta corsa prosegue per Chieti e Pescara quasi sempre a vuoto (la verifica dell’ultima settimana di settembre ha visto la presenza totale di 5 viaggiatori) e, pertanto, il piano di ristrutturazione prevede che detta corsa trovi capolinea a Lanciano. Questa decisione però non penalizza i passeggeri dell’entroterra proprio per la presenza da Lanciano di altri collegamenti diretti a Chieti o Pescara. Dal capoluogo frentano è infatti possibile proseguire per Pescara sia con corse bus che treno gestite sempre da Sangritana, oppure per Chieti, Pescara ed addirittura Roma con altri vettori operanti sul territorio regionale. Lo stesso vale anche per il ritorno. Diverse sono le corse Sangritana o di altri vettori provenienti da Roma, Pescara e Chieti che giungono a Lanciano in tempo utile per permettere ai passeggeri di usufruire della corsa auto della Linea 18 in partenza alle ore 13.50 per rientrare a Gamberale. L’impegno di Sangritana per agevolare questa tipologia di viaggi – conclude Di Nardo – sarà piuttosto quello di studiare e proporre alla Regione e a Trenitalia la possibilità di una integrazione tariffaria che non penalizzi l’utenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *