Non ci sono fondi, i musei di Chieti a rischio chiusura nei giorni festivi

Continua l’emergenza nelle sedi museali della città di Chieti a rischio di chiusura nei giorni festivi per carenza di personale. L denuncia arriva da Andrea Gagliardi, Segretario Generale FP CGIL Chieti. “Nell’incontro svoltosi lo scorso 20 settembre, il Soprintendente per i beni archeologici dell’Abruzzo  Andrea Pessina – riferisce Gagliardi – ha comunicato alle Organizzazioni Sindacali l’impossibilità di mantenere aperti il Museo Archeologico di Villa Frigerj ed il Museo Archeologico della Civitella durante i festivi. La causa di tale decisione è la ormai storica carenza di personale di custodia che ha costretto il personale in servizio ad una pesante turnazione durante tutto l’anno, accumulando enormi quantità di lavoro straordinario, per consentire l’apertura dei musei nei giorni festivi. I pesantissimi tagli nazionali sulle risorse destinate alla cultura stanno producendo il loro effetto devastante nel paese a maggiore vocazione turistica del mondo e la città di Chieti ne paga i primi tributi. Chiudere i musei nei giorni festivi, quando cioè l’affluenza delle visite è maggiore, significa attivare un circolo vizioso che drenerà ulteriormente le risorse prodotte dal sistema cultura, destinandolo così al collasso. La netta contrarietà delle Organizzazioni Sindacali alla chiusura dei musei non è però sufficiente ad evitarla, non potendo chiedere ulteriori sacrifici ai lavoratori già al limite delle loro possibilità fisiche. È assolutamente necessario che le istituzioni regionali e locali, Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo, Provincia di Chieti e Comune di Chieti in testa – auspica Gagliardi -, intervengano per interrompere questa lenta agonia trovando soluzioni e risorse utili alla soluzione del problema, essendo fermamente convinti che come dice il premio nobel per la letteratura Gao Xingjian “la cultura non è un lusso, è una necessità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *