Sfruttamento e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, protocollo tra autorità giudiziaria, forze dell’ordine e associazioni

Presso la sala conferenze della Questura di Pescara, è stato presentato oggi dal  procuratore capo  di Pescara, Nicola Trifuoggi, dal procuratore aggiunto, Cristina Tedeschini, dal sostituto procuratore della D.D.A. presso la Procura della Repubblica di L’Aquila, David Mancini, dal Questore di Pescara Paolo Passamonti e dal Presidente dell’Associazione on the road Vincenzo Castelli, il Protocollo di intesa contenente le  le linee guida per l’identificazione e la tutela delle vittime della  tratta e grave  sfruttamento sessuale e lavorativo. L’importante iniziativa, promossa dalla Procura della Repubblica di Pescara, mira, da un lato ad attuare una più energica azione di contrasto alle  attività criminali connesse ai fenomeni di sfruttamento, sia sessuale che lavorativo, degli esseri umani, dall’altro a fornire una più efficace tutela alla vittime del reato attraverso la piena operatività degli strumenti legislativi a disposizione (art. 18 del d.lgs. nr. 286/98) e l’attuazione di  specifici  interventi nel settore in sinergia tra l’Autorità Giudiziaria, le Forze dell’Ordine, le Organizzazioni della società civile e gli altri Enti interessati. Il  Protocollo, infatti, di imminente sottoscrizione,  si propone di individuare dei criteri condivisi di approccio alle potenziali vittime dei reati di sfruttamento e tratta di esseri umani, creando delle buone prassi operative sin dalle prime fasi di indagine e una rete di coordinamento  che renda tempestivo ed efficiente il raccordo tra Uffici e consenta un costante monitoraggio  del fenomeno a livello provinciale. La presentazione del Protocollo di Intesa è stata, inoltre, questa mattina, l’occasione per avviare la prima “Giornata di Formazione” degli operatori delle Forze di Polizia impegnate nelle attività di contrasto al fenomeno dello sfruttamento e del favoreggiamneto dell’immigrazione clandestina, nonché degli altri Enti istituzionali (Asl, Direzione Provinciale del Lavoro, Settori Sociali della Provincia e dei Comuni di Pescara di Montesilvano)  a vario titolo coinvolti.

La giornata di formazione ha visto gli interventi del Procuratore Aggiunto di Pescara e del  Dirigente l’Ufficio Immigrazione, Dott.ssa Marina Parisio, che hanno illustrato gli  strumenti legislativi previsti a livello nazionale ed europeo nell’ambito delle azioni di contrasto al fenomeno, della Dott.ssa Anna Bonifazi, in tema di tecniche e modalità di approccio alla vittima durante i primi contatti, e del dott. Gianfranco Albanese, sulle metodologie di identificazione delle potenziali vittime della tratta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *