La Virtus gioca, il Frosinone vince.

Bonvissuto e Artistico, due ex, fanno conoscere alla Virtus, la prima sconfitta stagionale. Immeritata. Amarezza tra le file rossonere e gioia, insperata, per i ciociari. Il Lanciano si è presentato a Frosinone cosciente dei propri mezzi, forte di una intesa di squadra raggiunta in poco tempo e rafforzata dagli ottimi risultati conseguiti nelle prime quattro giornate di campionato. Chiaro che mentalità e modulo di gioco fossero riproposti anche in ciociaria. L’unico reparto al quale il tecnico rossonero ha dovuto metter mano prima della gara è stato quello difensivo, privo dello squalificato Vastola. Un’assenza importante per una trasferta insidiosa come quella di Frosinone, soprattutto perché lì dietro sarebbe venuta a mancare l’esperienza di un atleta abituato alle battaglie calcistiche della Lega Pro.

Dall’altra parte, il tecnico Sabatini, al quale ovviamente non è sfuggita l’assenza di Vastola, doveva sciogliere qualche dubbio in attacco: scegliere chi mandare in campo tra Manzoni, Miramontes, Aurelio e Artistico. Una decisione importante per meglio interpretare il 4-3-3, modulo preparato apposta per affrontare la Virtus. Alla fine, il trio scelto è Manzoni, Bonvissuto e Aurelio. Gauteri, com’era prevedibile, ha dovuto rinunciare a Turchi, infortunato, ma è riuscito a recuperare Pavoletti. In campo c’è Titone. Tattiche e moduli dei ciociari saltano 7’ minuti dal fischio d’inizio. Dopo un tentativo di D’Aversa, che di testa sfiora la marcatura, è Pavoletti a segnare. Un gol che manda in crisi il Frosinone, che subisce ancora il Lanciano. Titone si ritrova tra i piedi due buone occasioni, che vengono neutralizzati dal portiere di casa. Ci prova pure Chiricò (16’) che dopo aver messo fuori gioco un paio di avversari, va al tiro, ma la palla è neutralizzata da Nordi. Un minuto dopo si spera nel raddoppio su punizione: sulla palla c’è Mammarella. Calcio potente e preciso ma Nordi è sulla traiettoria e respinge. Il Lanciano domina e spreca, tanto, troppo: il Frosinone, invece, subisce. Per fortuna arriva il fischio dell’arbitro che chiude il primo tempo e consente ai padroni di casa di respirare. Alla ripresa Sabatini ripropone i suoi con Artistico per dare maggiore insistenza alla prima linea e per tenere la Virtus  lontano dalla propria area. Ma sono ancora i rossoneri a farsi pericolosi con Chiricò, che sbaglia clamorosamente il raddoppio. I ciociari però non solo gli stessi dei primi 45’ e iniziano a farsi vedere dalle pari di Aridità. Così al 12’, D’Aversa, nell’intento di liberare la propria area di testa, sfiora la palla che diventa un passaggio in area per Bonvissuto, che indovina l’angolo e batte Aridità. Passano appena due minuti e il Frosinone ribalta il risultato. Punizione dal limite, sulla palla Mario Artistico, che disegna la traiettoria giusta e gonfia di nuovo la porta del Lanciano.

Stavolta è Gauteri a tentare il tutto per tutto, manda in campo Improta, al posto di Capece, e Margarita per Titone.  Finale all’insegna del Lanciano, che cerca con insistenza il pareggio. Ci prova Pavoletti, che manda alto sulla la traversa di testa, e con Chiricò, che dopo essersi beveto tre difensori, sbaglia il tocco decisivo.

Il Lanciano esce tra gli applausi e già pensa a Piacenza. Unica consolazione, la concomitante sconfitta del Pergocrema. Ma per oggi è davvero poco.

Prima Divisione – Girone B – 5ª giornata – Barletta – Latina 1-1; Cremonese – Spezia 3-2
Feralpisalo – Siracusa 1-2; Frosinone – V. Lanciano 2-1, 7’ pt. Pavoletti (VL), 12’ st. Bonvissuto (F), 15’ st. Artistico (F); Portogruaro – Piacenza 2-2; Prato – Pergocrema 2-0; Sudtirol – Bassanov. 0-0; Trapani – Andria Bat 1-1; Triestina – Carrarese 2-3.

Classifica – Pergocrema 12; Virtus Lanciano 11; Trapani 10; Cremonese,Carrarese, Frosinone 9; Barletta, Siracusa 8; Portogruaro 7; Triestina, Andria 6, SudTirol, Latina 5; Spezia 4; Prato 3; Feralpi Salò, Bassano 1; Piacenza 0. Penalizzazioni: Cremonese -6; Piacenza -4; Lanciano -1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *