Milano ricorda il terremoto de L’Aquila con “23 Secondi”

Sarà presentato domani a Milano, presso la Biblioteca Sormani – Sala del Grechetto in Via Francesco Sforza n.7, alle ore18.00, il libro testimonianza di Alessandro Aquilio che narra il terremoto de L’Aquila, “Ventitré secondi”.

L’iniziativa è nata dal Comune di Milano e dall’assessore alla Cultura Stefano Boeri che hanno scelto di ricordare una delle tragedie italiane più dolorose dall’ultimo dopoguerra: il terremoto aquilano dello scorso 6 aprile 2009.

Il romanzo autobiografico “Ventitré secondi”, prende il titolo proprio dalla durata della scossa principale che quella notte, alle 3 e 32, ha messo in ginocchio una intera città e sconvolto la vita di  quasi 100.000 persone.

Presentata di recente a Londra, l’opera del giovane Aquilio, definita da più parti “un libro importante frutto di uno stile ricercato e sguardo lucido”, è stata apprezzata anche dallo stesso ambasciatore italiano in Inghilterra.

L’intento del romanzo è quello di raccontare il dramma de L’Aquila, al netto delle polemiche e delle divisioni per restituirne il volto più vero e insindacabile: quello umano. Per farlo, l’autore sceglie di descrivere una tragedia collettiva attraverso la storia di una famiglia, la propria, a partire da quegli interminabili secondi per giungere fino alla condizione di sfollati e alla difficile strada verso una nuova vita.

Ad accompagnare l’autore in questo suo nuovo appuntamento nel capoluogo lombardo, la giornalista mediaset Gabriella Simoni. Preparata per l’occasione, una speciale rassegna fotografica di Ventitré secondi (Kellermann editore), dove sarà possibile visitare virtualmente il capoluogo abruzzese.

Il libro vanta la prefazione della famosa cantautrice Paola Turci che, proprio parlando del libro,  scrive: “Leggere queste pagine esige una disponibilità a lasciarsi colpire allo stomaco e al cuore. Io ho scelto di farlo immedesimandomi a fondo nei sentimenti e nelle emozioni descritte in questo racconto di vita vera”.

Da diversi mesi sta percorrendo l’Italia e l’Europa: circa 40 città toccate sino ad ora, compreso il Salone del Libro di Torino, Londra e Basilea dove ha ricevuto, il prestigioso riconoscimento internazionale Ace Award Novartis.

“23 Secondi” Una Storia – Terremoto L’Aquila 6 aprile 2009, conta una pagina facebook, con circa 1.800 iscritti.

Molto lo si deve al desiderio dell’autore di fare qualcosa di attivo e concreto per la propria città, nella convinzione che la ricostruzione sia in primo luogo un diritto e un dovere dei cittadini  aquilani. Ma anche della politica, ai vari livelli locale e centrale che deve far propria la sciagura aquilana, senza perdersi in rimbalzi di responsabilità che producono solo immobilismo.

Ci si augura che il capitale aquilano possa essere recuperato ed inserito all’interno del Patrimonio Unesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *