Di Giuseppantonio ritira le deleghe a Tavoletta

“La fase di verifica politica avviata negli ultimi giorni giro di consultazioni ha fatto emergere che l’attuale composizione della Giunta non risponde più ai criteri stabiliti per la formazione dell’Esecutivo stesso all’indomani delle elezioni di giugno del 2009, essendosi in parte modificata la composizione della maggioranza in Consiglio provinciale. Ma soprattutto questa occasione ha ribadito la necessità di riequilibrare la rappresentanza territoriale nell’esecutivo rispetto al comprensorio Vastese. Pertanto, allo scopo di garantire il perdurare di un equilibrio che consenta a questa Amministrazione di continuare, senza indugi e senza riserve a far fronte a compiti che ci vedono particolarmente impegnati nel raggiungere una serie di obiettivi importanti che richiedono rapidità di azione e coesione, e al fine di riequilibrare la rappresentanza territoriale, ho ritenuto opportuno revocare l’incarico al dott. Silvio Tavoletta, che ringrazio per il lavoro svolto come Assessore. Una decisione, quest’ultima, che avrei dovuto prendere già nello scorso mese di gennaio e che ho rinviato per consentire all’Assessore del Fli di portare a conclusione alcuni progetti che ha seguito personalmente. Nelle prossime settimane verificherò l’organizzazione della Giunta relativamente alle deleghe, alla rappresentanza territoriale e agli obiettivi da raggiungere a breve.  Per quanto riguarda i rapporti con il Fli, con la sua Dirigenza provinciale e con il capogruppo Luigi D’Alonzo nei prossimi giorni individuerò un percorso che potrà consentire di costruire un’intesa utile alla Provincia”.

Questa la nota del presidente della Giunta provinciale di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, che oggi ufficializza la revoca dell’incarico in esecutivo a Silvio Tavoletta. All’esponente del Fli sono state quindi ritirate le deleghe al Personale e Sviluppo delle risorse umane; Politiche giovanili; Semplificazione amministrativa; Rapporti con l’Università; Sport; Tempo Libero; Politiche dell’Area Urbana Chieti-Pescara. Che la decisione fosse nell’aria non è certo una novità. A pesare, la ferma e decisa presa di posizione del PdL. Il coordinatore provinciale Mauro Febbo non era stato certo tenero in proposito. Il caso si era aperto quando Tavoletta, che è anche nel consiglio comunale di Chieti, non ha votato la delibera di equilibrio di bilancio della Giunta Di Primio. Ieri, poi, il PdL ha disertato l’aula in un Consiglio Provinciale, che avrebbe affrontare e discutere su alcune interrogazioni e ordini del giorno, alcuni dei quali firmati da consiglieri di maggioranza. Tra questi, come la centrale per estrazione del gas a Bomba; la paventata chiusura dei tribunali di Vasto e Lanciano; il sostegno ai piccoli comuni e la riforma che ne vuole ridurre il numero. In aula erano presenti 12 consiglieri di minoranza e appena 5 di maggioranza. Un chiaro segnale a Di Giuseppantonio, che oggi ha affrontato di petto la situazione e ha deciso di procedere nei confronti di Tavoletta. Messa palla centro, il presidente, stando a quanto scritto oggi, dovrebbe procedre alla sostituzione dell’esponente del Fli con Etelwardo Sigismondi (PdL), in modo da ‘riequilibrare la rappresentanza territoriale nell’esecutivo rispetto al comprensorio Vastese’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *