Confindustria, Cgil, Cisl, Uil e Ugl istituiscono tavolo per contribuire a migliorare la sanità abruzzese

Confindustria Pescara  ha incontrato CGIL, CISL,UIL, UGL per proporre l’istituzione di un tavolo di lavoro congiunto per l’elaborazione di un documento programmatico che punti a proporre un nuovo modello di gestione della sanità abruzzese, che abbia quale obiettivo primario il contenimento dei costi, l’efficace e l’efficienza delle azioni e dei servizi verso gli utenti. Tutte le OO.SS. hanno ritenuto condivisibile il quadro di riferimento e l’obiettivo generale presentato da Confindustria Pescara e, nella stessa seduta, hanno individuato un piano di lavoro da condividere con tutte le altre Associazioni di rappresentanza interessate al tema della sanità.

L’incontro si è tenuto al fine di discutere in merito alle problematiche legate: alla applicazione della normativa per l’autorizzazione e l’accreditamento nell’ambito della rete residenziale e semiresidenziale; alla prossima razionalizzazione dei posti letto della rete extraospedaliera e le prospettive occupazionali ad essa connesse; alle disfunzioni del Servizio Sanitario regionale ed ai suoi alti costi; ridare efficienza al sistema sanitario abruzzese. Considerato che la buona sanità non può prescindere da una qualificazione dell’offerta ospedaliera e da una rete territoriale di strutture residenziali e semiresidenziali in Abruzzo, in una situazione quale quella in cui si trova la Regione Abruzzo, è necessario poter disporre di normative da assumere (o modificare) in tempi congrui rispetto agli obiettivi e problemi oggi in essere. Leggi quali la 32/2007, il Piano sanitario regionale, ecc. dovrebbero contenere le regolamentazioni e le indicazioni programmatorie fondamentali, ma non gli aspetti di dettaglio. Le parti che hanno partecipato all’incontro hanno condiviso la necessità già espressa a vari livelli istituzionali di dotare la Regione Abruzzo di una rete residenziale e semiresidenziale pubblica e privata più rispondente ai fabbisogni del territorio, e ritengono che ciò non si possa realizzare a meno di urgenti modifiche della normativa vigente. Conseguentemente, le Parti hanno convenuto di istituire un tavolo di studio propositivo, aperto alle rappresentanze private e pubbliche interessate al tema della sanità, ed esteso alle rappresentanze della società civile per aprire un confronto finalizzato alla condivisione di proposte operative tendenti al miglioramento ed alla risoluzione delle problematiche sopra evidenziate. Confindustria Pescara sarà parte attiva nell’organizzazione ad iniziare dal prossimo incontro che si terrà presso gli uffici della stessa il giorno 18 ottobre 2011 alle ore 10,30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *