Colpo del Celano: 1 a 0 a L’Aquila. Vince pure il Chieti. La giornata in Seconda Divisione, Iterregionale ed Eccellenza

Il pareggio interno contro la Paganese è andato stretto a L’Aquila, così i rossoblu hanno puntato a fare risultato pieno contro il Celano. Occasione ghiotta e alla portata di una squadra che comunque si è consolidata in zona play-off, forte della sua imbattibilità, che ne fanno uno delle formazioni più quadrate del raggruppamento. Premesse per una partita abbordabile ma nel calcio non c’è nulla di scontato, tantomeno al Piccone. I ragazzi di Ianni lo capiscono, dopo appena 3’ minuti, quando i marsicani, decisi ad abbandonare l’ultima posizione in classifica vanno in vataggio. E’ il gol che consente al Celano di incassare il successo. D’altro canto, per questa missione semi-impossibile è stato chiamato in panchina Petrelli, allenatore esperto e che conosce benissimo l’ambiente. Un ritorno – dopo 6 anni – che ha avuto effetti positivi: lo si è visto nella disposizione in campo del Celano apparso più equilibrato nei reparti, soprattutto in difesa. E L’Aquila? Colpita a freddo, la squadra di Ianni ha accusato il colpo, si riorganizzata e si è gettato in avanti alla ricerca del pareggio. Non ci riesce nelle prima frazione, lo sfiora nel secondo, segna ma il gol viene annullato per fuorigioco. L’Aquila non mollano, sfiorano il pareggio anche nella ripresa, ma i marsicani non sono quelli visti all’opera nella prime sette giornate di campionato, conquistato i primi tre punti stagionali e assaporano la gioia della vittoria dopo 12 mesi d’attesa.

Silvio Paolucci lo aveva fatto capire nei giorni scorsi che avrebbe apportato delle modifiche all’undici sceso in campo a Gavoranno. Dopo aver conquistato appena due punti nelle ultime cinque partite, invertire il trend negativo è stata una necessità. L’allenatore teatino, che schiera l’ultimo arrivato Migliorini nelle retrovie, si affida al 4-2-3-1, affidando al tandem Rosa e Lacarra il compito di infrangere la difesa lucana. Squadre giovani, che giocano e divertono, ma il Chieti non può permettersi di sbagliare. Va subito all’attacco ma debbono passare 24 minuti prima che la palla finisca in rete. Ci pensa Berardino a segnare, lesto a raccogliere un corta respinta del portiere ospite. Sembra un altro Chieti e, invece, è lo stesso: gioca, crea e poi si fa colpire. Come le ultime avversarie dei neroverdi, il Melfi non è da meno e raggiunge il pareggio al 43’ con Stagna e legittima l’1 a 1 con un palo. Tutto da rifare per Paolucci che, squalificato, segue dalle tribune la gara. C’è bisogno di una scossa in avanti, così va in campo Valerio Anastasi al posto di Rosa. L’attaccante si fa notare subito, è in palla ed è proprio lui a riportare il vantaggio i neroverdi, che stavolta non si smarriscono e prendono tre punti d’oro.

Dopo L’Aquila, un’altra abruzzese terribile sulla strada Paganese, quel Giulianova sta disputando un campionato inaspettatamente ricco di soddisfazioni. D’altro canto le posizioni di classifica occupate dalle due squadre annunciavano un confronto d’alta quota: giallorossi al terzo posto, appena due punti dietro i campani e a tre dalla vetta occupata dal Perugia. E in campo è stata battaglia, sin dal primo momento, tanto che la Paganese, dopo 120 secondi, trova il gol con Orlando. Il Giulianova non si disinuisce, anzi reagisce e crea due limpide occasioni da gol con Morga e Della Penna. Ma rischiano, eccome. La Paganese, che è squadra forte, controbatte colpo su colpo, trovando un altro rigore, sbagliando. Buon per il Giulianova che resta in partita, e che partita. Nulla da fare nel primo tempo, ma basta aspettare 16’ minuti della ripresa perché il solito Morga riequilibra la gara. E’ il premio ad una rincorsa dura ma soddisfacente. Ti aspetti che continui così, ma accade quel che non dovrebbe capitare. D’altro canto, la posta in palio è alta e il nervosismo non manca. Ci mette del suo anche il direttore di gara – alcune decisioni, nei primi 45’, soprattutto il penalty sbagliato, sono state duramente contestate da De Patre – e sul terreno di gioco non si va certo sul tenero. A pareggio conquistato, due rossi per il Giulianova, che nel giro di due minuti perde Bontà e Terenzi. Tutto facile per la Paganese? Neanche per sogno. I giuliesi resistono, quando possono si avventurano in avanti, costringendo i campani ad essere sempre accorti. I padroni di casa perdono per doppio giallo Rinaldi, ma insistono e si riportano in vantaggio con Siciliano, che indovina da fuori il tiro dei tre punti.

Seconda Divisione – 10ª giornata – Aversa Normanna-Aprilia 1-1; Celano-L´Aquila 1-0, 3’ Croce (C); Chieti-Melfi 2-1, 24’ pt. Berardino (Ch), 43’ pt. Stagna (M), 28’ st. Anastasi; Fondi-Neapolism. 2-1; Isola Liri-Arzanese 0-0; Milazzo- Fano A.J. 1-1, Paganese-Giulianova 2-1, 2’ Orlando (P), 16’ st. Morga (G), 36’ st. Siciliano (P) ; Perugia-Catanzaro 0-2; Vibonese-Ebolitana 0-1; Vigor Lamezia-Gavorrano 2-2; ha riposato il Campobasso

Classifica – Paganese 23; Perugia 21; Catanzaro 20; Giulianova, Gavorrano 18; L’Aquila, Vigor Lamezia 17, Campobasso, Arzanese 16; Fondi 12; Neapolis M., Aversa Normanna, Chieti, Ebolitana 11; Isola Liri (-2), Aprilia 9; Vibonese 7; Fano Alma J. 6 (-2); Melfi 5 (- 2); Milazzo, Celano Olimpia 4

Interregionale Girone B 7^ Giornata- Ancona-San Nicolò 1-0; Atessa Val Di Sangro-Santegidiese 4-4, Galli, Allegretti, D’Ippolito (SE), Di Camillo 3gol su rig. (VdS), Rizzi rig. (SE), Fonseca (AVS); Atletico Trivento-Recanatese 1-1; Civitanovese-Real Rimini 0-0; Isernia-Jesina 2-1; Renato Curi Angolana-Sambenedettese 2-2, Puglia (S), Parmigiani 2 gol (RCA), Storani (S), Riccione-Olympia Agnonese 3-1; Teramo-Miglianico 0-0; Vis Pesaro-Luco Canistro 1-0

ClassificaTeramo, Vis Pesaro, Ancona 16; Civitanovese 15; Trivento, Recanatese 12; San Nicolò 11; Agnonese, Isernia, Riccione 10; Samb 9; Jesina, RC Angolana, Atessa Vds, Santegidiese 5; Luco Canistro 4, Miglianico 3; Real Rimini 2.

Eccellenza  8^ Giornata –Alba Adriatica-Sporting Tullum 2-2; Amiternina-Castel Di Sangro 5-1, Capistrello-Guardiagrele 4-0; Casalincontrada-Spal Lanciano 2-1, Mosciano-Cologna Paese 0-1; Pineto-Francavilla 0-0; Rosetana-Martinsicuro 3-1; Sulmona-S. Salvo 1-0; Vasto Marina-Montorio 0-0

Classifica – Montorio 19; Alba Adriatica 17; Sulmona, Casalincontrada 16; S. Tullum, Francavilla, Amiternina 15; Pineto 12; Cologna Paese, Rosetana, Vasto Marina 11; Capistrello 10; Mosciano 9; San Salvo 7; Guardiagrele 5; Mosciano 4; Castel di Sangro 3; Spal Lanciano 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *