Nuovo ospedale di Lanciano, incontro domani al ministero della Salute

L’ha spuntata il sindaco di Lanciano, Mario Pupillo. Aveva chiesto un incontro con i funzionari del ministero della Salute sl nuovo ospedale e l’ha ottenuta. Domani, infatti, una delegazione del comune di Lanciano sarà a Roma per “acquisire informazioni sulla questione della costruzione del nuovo ospedale di Lanciano”. Soprattutto c’è da chiarire se il progetto di costruzione di un nuovo Ospedale sull’attuale sito del Renzetti risponde a tutti gli standard richiesti per un Presidio Ospedaliero da 300 posti letto, con tutti i reparti che un Ospedale del genere dovrebbe avere. La delegazione, oltre a Pupillo, sarà formata dal vicesindaco, Pino Valente,dal consigliere comunale e segretario cittadino del Pd, Leo Marongiu e dal dirigente del settore urbanistica, Vincenzo Di Fabio. “Abbiamo un progetto serio che intendiamo tutelare e portare avanti a beneficio non solo della città di Lanciano – ha detto Pupillo – ma a garanzia dei livelli sanitari essenziali e di qualità da erogare su tutto il territorio”.

Intanto è stata rinviata la riunione, convocata per questo pomeriggio, con i sindaci del territorio sulla localizzazione del nuovo ospedale di Lanciano, convocata dal direttore della Asl 2 Lanciano-Vasto-Chieti, Francesco Zavattaro. E’ stato lo steso manager a chiedere lo spostamento.

E sui nuovi cinque ospedali in Abruzzo, Carlo Costantini, capogruppo IdV in Consiglio regionale, commentando le dichiarazioni del ministro della Salute, Ferruccio Fazio, chiede chiarezza al governatore Chiodi dopo che “il Consiglio dei Ministri ha tagliato 1 miliardo di euro dai fondi per l’edilizia sanitaria. Chiodi ha precisato che il taglio non interessava gli ospedali abruzzesi. Ieri, però, è tornato sull’argomento direttamente il ministro Fazio, precisando che, dopo il taglio operato, l’intero fondo ex art. 20 sugli ospedali deve essere rifinanziato. E nel frattempo – prosegue Costantini – i Consigli comunali ed i Sindaci interessati proseguono il loro lavoro per pianificare le opere e gli interventi. Chiodi ha interamente “secretato” la materia, spiegando che se e quando far sapere qualcosa sul progetto dei 5 nuovi ospedali abruzzesi sarà solo lui a deciderlo. Almeno, però, ci faccia sapere e ci dia conferma dell’esistenza dei 250 milioni di euro destinati all’Abruzzo. Non vorrei scoprire tra qualche settimana – conclude il capogruppo IdV – che Consiglio regionale, sindaci, consigli comunali, strutture tecniche di comuni ed asl, hanno passato il loro tempo a discutere del nulla, perchè i fondi non sono più disponibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *