Costituito il Gruppo di Lavoro per la Valutazione dell’Impatto sulla Salute dell’impianto di combustione di biomasse di Treglio

Si è insediato nella sede del Mario Negri Sud di Santa Maria Imbaro il Gruppo di Lavoro per la Valutazione dell’Impatto sulla Salute (VIS) dell’impianto di combustione di biomasse GCT (Gestione Calore Treglio). Hanno partecipato all’incontro Roberto Doris, Sindaco di Treglio, Enrico Vecere, rappresentante della GCT, Alessandro Lanci, presidente dell’Associazione Nuovo Senso Civico, Enrico Graziani avvocato consulente di Nuovo Senso Civico, Tommaso Pagliani, Stefania Caporale e Marcello Desiderio, ricercatori del Centro di Scienze Ambientali del Mario Negri Sud. Pagliani ha aperto l’incontro illustrando brevemente l’iter che ha portato all’istituzione del gruppo di lavoro VIS, cioè l’esigenza di condividere tra i diversi portatori di interesse tutte le istanze e procedure di lavoro riguardanti studi e iniziative in corso per la VIS della centrale a biomasse. Pagliani ha illustrato quanto è stato fatto finora dal CMNS nello studio di screening richiesto dal proponente dell’impianto, in seguito ad una specifica prescrizione sindacale, spiegando metodologie e strumenti utilizzati per il primo studio di qualità dell’aria sul territorio del comune di Treglio (campionatori passivi Radiello® e gascromatografia accoppiata a spettrometria di massa). Da quanto emerso da un primo monitoraggio e da quanto esposto anche nel Piano Regionale di Tutela della Qualità dell’Aria della Regione Abruzzo emergono informazioni non complete per poter prendere decisioni circa l’autorizzazione di possibili fonti emissive. Pertanto per approfondire i risultati finora ottenuti e pervenire ad una migliore caratterizzazione ex-ante, il Gruppo di Lavoro ha concordato di procedere con un nuovo campionamento dell’area entro il mese di novembre, stabilendo che il monitoraggio dovrà prevedere anche campionamenti di particolato atmosferico fine in alcuni punti del territorio comunale. I rappresentanti di Nuovo Senso Civico, pur ritenendo utile un’indagine sulla qualità attuale dell’aria, hanno ribadito che comunque l’impianto GCT non dovrebbe entrare in funzione, qualora si dovesse acquisire la certezza scientifica della sua nocività per l’ambiente e per la salute dei cittadini. D’altra parte la proprietà GCT ritiene di aver adempiuto alle prescrizioni del sindaco e come previsto dall’autorizzazione unica regionale, di poter dare avvio alla messa in esercizio e alle prove dell’impianto, aggiungendo che tutte le operazioni di monitaraggio previste dal gruppo di lavoro dovranno essere finalizzate alla valutazione VIS. L’avvenuto insediamento del Gruppo di Lavoro VIS-Treglio sarà comunicato al congresso di epidemiologia ambientale dell’ISDE che si terrà ad Arezzo nel prossimo novembre. Tutti i componenti del Gruppo hanno concordato di individuare nell’Ufficio stampa del Mario Negri Sud il portavoce unico per la comunicazione dei risultati dei monitoraggi ambientali, delle attività e delle iniziative del gruppo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *