Paura a Chieti e L’Aquila: giocatore neroverde sviene dopo scontro con avversario. Al Fattori tifosi ammutoliti per il terremoto

Paura all’Angelini, nel confronto tra i teatini e l’Aprila. Dopo appena pochi minuti di gioco, Michael Cardinali si scontra con un avversario. L’impatto è particolarmente duro e Cardinali resta a terra, privo di sensi. Il giocatore viene soccorso, si teme il peggio. I sanitari del Chieti gli prestano le prime cure, il giocatore si riprende ma viene comunque ricoverato in ospedale al SS Annunziata dove è stato sottoposto a tac per sospetto trauma cranico. L’esame ha dato esito negativo.

E veniamo alla partita. Silvio Paolucci doveva vedersela con i laziali dell’ex, Vincenzo Vivarini, l’allenatore rimasto nel cuore del tifo neroverde per aver riportato il club tra i professionisti. Al di là dei ricordi, però, quel che chiedevano i sostenitori teatini era una immediata reazioni alla sconfitta patita a Lamezia Terme. Neroverdi privi dell’infortunato Berardino e dello squalificato Villa. Le due squadre si studiano, si temono. Poche le azioni degne di nota. Almeno fino al 30’, quando l’Aprilia non riesce a trovare un varco nella difesa teatina e si porta in vantaggio con Ceccarelli. La rete scuote il Chieti, che inizia a farsi più intrapredente. Così Fiore cerca e trova Sabatini, che pareggia. Teatini che sfiorano anche il raddoppio prima della chiusura. Nella ripresa, la partita non ha offerto grandi emozioni con gli allenatori delle due squadre che hanno badato molto a chiudere le fonti di gioco. Inevitabile che non finisse in pareggio .

Al Fattori, si sono concentrate le attenzioni del girone B si Seconda Divisione, per una partita che ha messo di fronte la vice capolista di questo raggruppamento che quest’anno è particolarmente impegnativo e lungo, e L’Aquila, che staziona nei piani alti. Rossoblù rilanciati dagli ultimi due successi, l’ultimo nel turno infrasettimanale al Fadini, opposti stavolta ad un avversario tosto: i calabresi, che hanno già osservato il turno di riposo imposto per via delle 21 squadre che compongono il Girone B, si sono presentati a L’Aquila con il secondo miglior attacco e con un sola sconfitta esterna, rimediata ad Aversa. In fatto di tabellini, non scherza nemmeno gli uomini di Ianni, che fanno registrare finora una sola sconfitta, rimediata domenica scorsa a Celano. L’Aquila, tra l’altro, con la miglior difesa del girone, anche se in attacco stenta un pò. Ecco spiegato il motivo per il quale vi fosse tanto interesse per il confronto. La partita, com’era prevedibile, è molto tattica, con il gioco che non entusiasma più di tanto i 1800 presenti sugli spalti. Ma L’Aquila c’è, e lo dimostra a pochi minuti dalla fine dei primi 45’: Piccioni imbecca Improta, che di piatto destro insacca. Nella ripresa, una forte scossa di terremoto, fa ammutolire il Fattori. Alcuni tifosi sembrano lascino lo stadio per la scossa, ma in realtà si tratta di un equivoco perché i tifosi del Catanzaro, rimasti fuori dal Fattori perché sprovvisti della tessera del tifoso, contestano e se la prendono pure con i sostenitori rossoblu. Nel frattempo gli ospiti  trovano il pareggio con Esposito. L’Aquila però ci crede, l’occasione è ghiotta per conquistare i tre punti e ad ha l’opportunità di farlo su rigore Giglio sbaglia il rigore. Come se non bastasse, i rossoblu restano in dieci per l’espulsione di Caraffoni, e Ianni ha dovuto rimodellare la squadra. In superiorità numerica il Catanzaro ha cercato di chiudere l’incontro, ma la difesa aquilana è stata accorta.

Che fosse una trasferta insidiosa per il Giulianova, lo si sapeva: vuoi perché i giallorossi vengono da tre sconfitte consecutive, vuoi anche per il clima che si è creato tra l’allenatore De Patre e il presidente D’Agostino. Aggiungi a tutto ciò che con il Neapolis, il tecnico di Notaresco si è dovuto inventare un’altra formazione per gli infortuni di Zoppetti, Di Michele e Rinaldi, e le squalifiche di Testoni e D’Alessandro, ed ecco che il quadro delle difficoltà si completa. De Patre – che ha seguito la partita dalla tribuna perché squalificato – in compenso ha ritrovato Terrenzio, D’Aniello e Morga. Il Giulianova parte molto bene e mette in seria difficoltà i padroni di casa con azioni veloci e incisive. La difesa di casa va in affanno, ma non capitola. Il Neapolis si riorganizza e inizia a giocare e stavolta è il Giulianova a soffrire, ma riesce a tenere. Nella ripresa, però, arriva il gol dei padroni di casa. Lo cerca e lo trova Foggia, dopo appena 2’. De Patre – sempre dalla tribuna – invita i suoi a non mollare ed ha ragione, perché il Giulianova trova il pareggio con il centrocampista Carbonaro, che sfiora subito dopo anche il raddoppio.

A Melfi per non rendere l’impresa di lottare per la salvezza disperata. Era questo l’obiettivo del Celano a Melfi, che si è frantumato ancora una volta. 4 a 0 il risultato finale e confermato l’ultimo posto in classifica.

Seconda Divisione – Girone B – 13ª giornata – Arzanese-Milazzo 1-1; Chieti -Aprilia 1-1, 30’ pt Ceccarelli (A),  40’ pt. Sabatini; Ebolitana-Paganese 0-0; Fondi-Perugia 0-2; Gavorrano-Campobasso 1-2; Isola Liri-Fano 1-2; L´Aquila-Catanzaro, 1-1, 41’ pt. Improta (LA), 12’ st. Esposito (C); Melfi-Celano 4-0; Neapolism.-Giulianova 1-1, 2’ st. Foggia (N), 26‘ st. Carbonaro; Vigor Lamezia-Aversa Normanna 0-0; Ha riposato la Vibonese

Classifica – Paganese, Perugia 26, Catanzaro 25; L’Aquila, Vigor Lamezia 24; Gavorrano 20; Campobasso 21; Giulianova 19; Arzanese 17; Chieti, Aversa Normanna 15; Neapolis M. 14; Aprilia 13; Fondi, Isola Liri (-2), Ebolitana, Fano Alma J.(-2) 12; Vibonese, Milazzo, Melfi (- 2) 11; Celano Olimpia 4

Serie D – Girone F – 9^ Giornata – Jesina-Renato Curi Angolana 0-0; Luco Canistro-Riccione 3-0; Miglianico-Civitanovese 4-4, Chiacchiarelli 2 gol (M), De Luca Traini 2 gol (C), D’Alessio (M), Bolzan (C); O. Agnonese-Teramo 1-2, Masini (T), Bucchi (T); R. Rimini-Santegidiese 0-3, Galli 2 gol (1 su rig) (S), Patti (S); Recanatese-Ancona 1-6; San Nicolò-Isernia 4-2, Dino (I), Panico (I), Lalli 3 gol (SN); Sambenedettese-Atessa Val di Sangro 3-1, Di Vicino rig. (S), Pazzi (S), Giansante (AVS), Puglia (S); Vis Pesaro-Atletico Trivento 1-2

ClassificaTeramo 23; Ancona 22; A. Trivento 18; Vis Pesaro, Civitanovese, San Nicolò 17; Recanatese, Isernia, Samb 13; Santegidiese 11; O.Agnonese, Riccione, Luco Canistro 10; Jesina; RC Angolana 6; Atessa Vds 5; Miglianico 4; Real Rimini 2.

Eccellenza – 10ma Giornata – Alba Adriatica-San Salvo 2-1; Amiternina-Cologna Paese 2-0; Capistrello-Martinsicuro 4-0; Casalincontrada-Sporting Tollo 3-2; Guardiagrele-Montorio 0-3; Mosciano-Francavilla 0-2; Pineto-Sulmona 1-5; Rosetana-Castel di Sangro 3-0; Vasto Marina-Spal Lanciano 3-0.

Classifica – Montorio 21; Francavilla, Amiternina 21; Alba Adriatica, Sulmona 20; Tullum 18; Casalincontrada, Vasto Marina 17; Pineto 15; Capistrello 14; Cologna Paese, Rosetana 13; Mosciano 10; San Salvo 7; Guardiagrele 5; Mosciano 5; Castel di Sangro 3; Spal Lanciano 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *