La Virtus ha Volpe nel motore: 2 a 1 al Latina con grande prova di carattere

Il campo del Biondi è insidioso per la pioggia e già questo è motivo di preoccupazione per la Virtus e il suo gioco fatto di corsa e velocità. Poi c’è da aggiungerci il Latina, squadra in forma e capace di imprese significative, come il pari a Frosinone in dieci e la squillante affermazione con l’Andria di domenica scorsa per rendere i novanta minuti del Lanciano complicati. Gauteri, che continua l’opera di canonizzazione dei suoi per un calcio votato all’attacco, nei giorni precedente alla gara con i laziali ha lavorato sì sugli assetti in campo ma anche sulla testa dei rossoneri, forse fin troppo frenetici in alcuni momenti – come è capitato fuori casa -, con grande dispendio di energie e pochi risultati. Interventi in corsa, d’altro canto non c’è stato il tempo di poterlo fare prima. L’allenatore frentano, a differenza del suo collega, tra l’altro, ha dovuto disegnare l’undici da opporre a quello preparato da Marco Ghirotto solo pochi minuti prima del fischio d’avvio. E aveva le sue buone ragioni dal momento che erano in dubbio le reali condizioni di due come Amenta e Mammarella, entrami importanti in difesa ma anche per tentare colpi su piazzati. I due ci sono, mentre in panchina va Vastola. Gauteri punta da subito su Chiricò, brevilineo e veloce, che ben si adatta ai terreni sdrucciolevoli. Fischio d’inizio di Sacchi di Macerata e rossoneri subito in avanti, con Pavoletti chiamato a pungere a centro area. Le occasioni ci sono, ma i rossoneri non le concretizzano. Il Latina è sempre in agguato e reagisce replica, sfruttando bene le vie che gli si aprono. La partita è bella, ma anche fallosa anche perché i reparti degli ospiti sono vicini e la disposizione rallenta l’iniziativa dei rossoneri. Passano 11 minuti e i rossoneri passano. Il gol carica i padroni di casa che continuano a proporsi con buone verticalizzazione ma il pericolo più concreto arriva al 20’ su punizione di D’Aversa, che va di pochissimo fuori. Il Latina, si diceva, non sta a guardare e lo conferma al 25’ quando sfrutta a dovere la verve del brasiliano Jefferson. Il suo numero mette fuori causa tre difensori, poi lascia partire un bel rasoterra di fronte al quale Arididità s’arrende. Tutto da rifare per il Lanciano, che ci prova con Chiricò, più intraprendente del solito e sul quale Guateri ha insistito molto in fase di preparazione della partita. Ma non succede nulla.

Si riprende e capita che Massoni (12’) segna. Il cross di Chiricò è perfetto per il lungo difensore frentano, che insacca ma l’arbitro annulla su un discutibile fuorigioco. Rete negata, ma i rossoneri s’impegnano ancor di più alla ricerca del successo. E arriva il gol della vittoria. E’ il 35’, Turchi conclude, il tiro viene ribattuto dalla difesa, palla che finisce al mancino Volpe, che di destro, di controbalzo calcia e indovina la traiettoria imparabile. Nonostante il vantaggio, il Lanciano insiste e tiene impegnato il Latina. All’94’ arriva il fischio finale e tre punti, visti i risultati della giornata, che mettono i rossoneri in ottima posizione. E domenica si vola in Sicilia, sul campo del temibile Trapani, che ha abbattuto il Pergocrema. Prima però s’aspettano le decisioni del giudice sportivo, perché il pessimo Sacchi ha distribuito una gran quantità di gialli e il Lanciano potrebbe presentarsi sull’Isola senza alcuni uomini importanti.

Prima Divisione-Girone B-11ª giornata – Andria-Bassano rinviata per pioggia; Feralpisalò-Spezia 1-1; Frosinone-Cremonese 7.11; Pergocrema-Trapani 0-5; Portogruaro-Barletta 1-1; Prato-Carrarese 1-1; Siracusa-Piacenza 3-0; Triestina-Sudtirol 1-2; Virtus Lanciano-Latina 2-1, 11’pt. Pavoletti (VL), 25‘pt. Jefferson, 35‘st. Volpe (VL).

Prima classifica Classifica – Frosinone 20; Carrarese 19; Pergocrema, Portogruaro, Virtus Lanciano (-1), Sudtirol (-1), Trapani, Siracusa 18; Cremonese 15; Triestina 13; Piacenza (-4), Barletta, Spezia 12; Andria Bat 10; Latina, Prato 9; Bassano Virtus, Feralpisalò 6. Andria, Bassano, Frosinone e Cremonese una partita in meno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *