Vertenza Gtm, sindacati pronti allo sciopero: dipende tutto dall’incontro di domani con azienda

Dipenderà dall’esito dell’incontro di domani mattina tra direzione della Gtm, Filt Cgil e Uiltrasporti la revoca o meno dello sciopero di 24 ore del trasporto pubblico (il terzo) che, se attuato, lascerà a piedi il 17 novembre prossimo Pescara ed il suo hinterland. Al centro dell’incontro, come affermano i sindacati, «i dati sulle elevate prestazioni straordinarie che si stanno registrando in questi giorni tra il personale addetto alla guida e che di fatto non giustificano la mancata trasformazione a tempo pieno degli stessi autisti. Analogo discorso per il personale part-time addetto alla manutenzione per il quale sarebbe quanto mai necessario un’urgente trasformazione a tempo pieno, alla luce delle frequenti avarie che si registrano quotidianamente sui mezzi pubblici». «Naturalmente – affermano i sindacati – dal Presidente Gtm Michele Russo si attendono risposte esaustive anche per gli altri punti oggetto della vertenza a cominciare dalla mancata definizione di un accordo sulla detassazione delle prestazioni straordinarie, intesa peraltro già definita da tempo nella quasi totalità delle imprese di trasporto. Gli altri due scioperi attuati nell’ambito delle vertenza sono stati il 26 settembre (4 ore) e il 14 ottobre (8 ore con manifestazione davanti alla Regione Abruzzo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *