Basket, Teramo sconfitta a Venezia. Male il Chieti in DNA, buone vittorie per Roseto, Pescara e Giulianova

Pesante sconfitta per il Teramo Basket nella trasferta domenicale di Venezia, gli uomini di Ramagli cedono sul parquet veneto per 86-71 al termine di una partita quasi mai in discussione.

In avvio gli ospiti sembrano poter fare la voce grossa, la coppia Wanamaker-Brown infatti confeziona 9 punti nei primi cinque minuti, dando ai bianco-rossi un mini-vantaggio sul 5-9. I locali però non si lasciano impressionare e nella seconda metà di quarto riescono a ribaltare la situazione chiudendo sul 21-15 alla prima sirena.

Nella seconda frazione di gioco la forbice tra le due formazioni si allarga, Venezia serra i ranghi in difesa e trova con facilità il canestro in attacco, riuscendo a tenere a bada le timide reazioni dei teramani. Prima dell’intervallo lungo le squadre sono divise da 14 punti (47-33).

Al rientro dagli spogliatoi gli uomini di Ramagli non sembrano essere in grado di ribaltare le proprie sorti e la poderosa schiacciata di Fantoni al minuto 23 spegne definitivamente ogni velleità di ripresa ospite.

Il Venezia controlla agevolmente la situazione per il resto della partita, vincendo alla fine con un distacco di 15 punti, slegandosi temporaneamente dal gruppo di coda della classifica.

Teramo resta a quota 2 in compagnia di Cremona e Montegranaro, mentre Monferrato cerca ancora la prima vittoria in campionato.

Nonostante il momento negativo, il calendario potrebbe dare una mano a coach Ramagli e ai suoi;  nel prossimo turno, infatti, ospiti del Palascapriano saranno i lombardi della Vanoli Braga Cremona, avversari diretti nella corsa salvezza.

 

Arriva una battuta d’arresto anche per la BLS Chieti in Divisione Nazionale A, i teatini cedono di 11 sul campo del San Severo, al termine di una gara che li aveva visti al comando per tre quarti della stessa.

La partenza è tutta per gli ospiti che, dopo i primi cinque minuti di sostanziale equilibrio, premono sull’acceleratore lasciando i locali indietro alla prima sirena (11-22).

Alla ripresa la BLS sembra poter controllare il match ma un mini-parziale di 7-0 firmato da Fattori e Amoroso riapre i giochi a metà della seconda frazione.

Chieti risponde con la tripla di Rajola e il canestro di  Feliciangeli, ma lo stesso Fattori realizza altri 6 punti nell’ultimo minuto prima dell’intervallo lungo. Le squadre vanno a riposo sul 30-35.

Nel terzo quarto i locali recuperano il gap nei primi minuti e tentano da subito il sorpasso, Chieti però è brava a non lasciarsi andare e riesce comunque a mantenersi in vantaggio, seppur di pochi punti. Solamente grazie alla tripla finale di Porfido i ragazzi di Sorgentone riescono a mantenere il vantaggio, sceso ora a 3 punti.

Nell’ultima frazione sono decisivi i primi minuti, nei quali San Severo mette in fila ben 11 punti non concedendone agli avversari, cambiando radicalmente le sorti della gara. Per il Chieti il colpo è troppo duro, i padroni di casa hanno ormai in mano la partita e riescono a tenere i nervi saldi fino alla sirena finale. La gara si conclude 81-70.

 

Doppia vittoria per i colori abruzzesi in Divisione Nazionale B, sia il Pescara che il Roseto infatti trovano due importanti punti, i primi in casa contro il Giugliano, i secondi nella trasferta di Francavilla.

L’Amatori Pescara conduce una gara da manuale: costruisce un buon vantaggio nel primo tempo e lo mantiene, integrandolo poco a poco, per il resto della partita, impedendo il ritorno degli avversari.

La Mec Energy Roseto, invece, parte bene ponendo subito una buona distanza tra se e gli avversari, salvo poi farsi rimontare nella seconda parte di gara, facendo sperare il pubblico del Palazzo di Francavilla nella clamorosa rimonta.

All’ultimo giro di lancette infatti i locali, grazie alla precisione ai liberi, riducono a sole 4 lunghezze la  distanza dai rosetani, che dovranno affidarsi a Gnaccarini per evitare la beffa.

La gara si conclude 76-80.

In Divisione Nazionale C vince solo Giulianova che non ha problemi ha regolare il Passignano tra le mura amiche. Pesanti sconfitte invece per il San Vito nella trasferta di Orvieto e soprattutto per il Lanciano, che si lascia travolgere in casa dall’Ancona.

C’è tanto Bigi nella vittoria del Giulianova, l’esperta guardia infatti ne infila 23 conditi da ben 8 rimbalzi e conduce di fatto i suoi alla vittoria che vale i 2 punti, la formazione abruzzese vince 82-68.

Fatale per il San Vito è invece la fase centrale della gara, nella quale i bianco-azzurri concedono troppi punti agli avversari, punti che risulteranno determinanti nel computo totale. Orvieto infatti mette la testa avanti nel secondo quarto, riuscendo, con alti e bassi, a controllare la partita sino al 92-83 finale.

Per il Lanciano invece arriva una pesante batosta maturata nei primi dieci minuti di gioco. I ragazzi di Salomone alla palla a due sembrano rimasti negli spogliatoi, l’Ancona fa il bello e il cattivo tempo e alla prima sirena si trova avanti di oltre 20 punti, sul 7-31.

Dal secondo quarto in poi i frentani sembrano svegliarsi, ma è ormai troppo tardi, Ancona porta a casa il referto rosa con il risultato finale di 61-90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *