Il Pescara lascia Immobile il Gubbio

Vittoria importantissima per il Pescara che conquista tre punti d’oro contro l’ostico Gubbio. La squadra di Zeman fa suo il confronto seppur rimasto in dieci, ma la grande vena di alcuni centrocampisti e il potenziale offesinvo dei biancazzurri alla fine riescono a superare le avversità. Parte subito all’attacco il Delfino, che prova a sbloccare il risultato. Ci riesce al 17’con Balzano, che raccolgie un traversone di Zanon e di testa mette in rete. Gli umbri però reagiscono e riescono ad acciuffare il pari su rigore. E’ il 22′ e Anania non è preciso nella sua uscita. La palla arriva a Graffiedi e Capuano è costretto al fallo da ultimo uomo: rigore e espulsion. Dal dischetto fa centro lo stesso Graffiedi. Il Pescara stenta un po’, non è lucido come al solito e nemmeno Sansovini è in gran giornata, tanto che Zeman lo sostituisce con Brosco. Ma nella ripresa la musica cambia e il Delfino trova quadratura tra i reparti e può sviluppare il suo gioco. Ci pensa Immobile al 7′ a mettere dentro il gol della vittoria, una rete semplicemente fantastica e da posizione quasi impossibile. Il napoletano riceve palla da Cascione, supera Donnarumma e di destro a rientrare batte il portiere umbro. L’Adriatico esplode di gioia, mentre a Zeman passano tutti i dolori.

Pescara (4-3-3): Anania; Zanon, Romagnoli, Capuano (espulso), Balzano; Gessa, Verratti, Cascione; Sansovini (23′ pt Brosco), Immobile, Insigne. Allenatore: Zdenek Zeman
Gubbio (4-3-3): Donnarumma; Bartolucci, Benedetti, Cottafava, Caracciolo; Sandreani, Boisfer, Lunardini; Bazzoffia (1′ st Ciofani), Graffiedi, Giannetti (8′ st Màrio Rui). Allenatore: Gigi Simoni
Note: espulso Capuano; ammoniti Lunardini, Bazzoffia
Arbitro: Gallione di Alessandria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *