Mette fioriere davanti alla chiesa per salvaguardare i fedeli, parroco multato

159 euro più 9,50 euro per le spese. E’ l’ammontare di una multa comminata al parroco della chiesa di Santa Lucia di Lanciano, fra quelle che rientrano di diritto nel patrimonio religioso e artistico della città. I fatti: frà Massimiliano Di Carlo aveva sistemato davanti all’ingresso della chiesa delle fioriere per impedire che delle auto fossero parcheggiate proprio lì. Una precauzione per tutelare l’incolumità dei fedeli che raggiungono Santa Lucia e per scoraggiare quanti, nonostante i divieti, lasciano l’auto davanti al sagrato. Strada antica e stretta quella del primo corso della città, con tante attività commerciali e altrettanta indisciplina. Le aree di sosta sono poche, è vero, e nonostante i divieti si parcheggia anche in quelle dove, per la verità, la sosta non è consentita. Proprio in questi giorni, tra l’altro, davanti la chiesa, è stata eretta una impalcatura per lavori in un edificio. Nonostante lo spazio si sia ulteriormente ridotto, c’è chi ha continuato a parcheggiare la propria auto. Lo conferma la foto.  Vecchi problemi, che prima o dopo dovrà pur essere risolti.

Ma torniamo al nostro frà Massimiliano e alle fioriere. Il parroco si è visto recapitare la multa ed ha deciso di buttar giù un questionario sulla sicurezza e i diritti dei pedoni che percorrono quotidianamente corso Roma. l fogli per la raccolta delle informazioni, titolo ‘Una vita non vale una multa, al quartiere Stadera di Milano….e a Santa Lucia di Lanciano?’ sono stati sistemati all’ingresso della chiesa e per dare valore alla raccolta di pareri e consigli, sono firmati dal parroco. La domanda che frà Massimiliano pone è: “Una multa alla parrocchia di 159 euro più 9,50 euro di spese per delle fioriere che volevano garantire un passaggio pedonale ed evitare il parcheggio in divieto di sosta davanti la chiesa” oppure “rendere vivibili le nostre vie evitando i parcheggi non consentiti e garantendo i pedoni oltre al traffico?”. Ma che c’entra Stadera di Milano? Il parroco nel preambolo del questionario fa riferimento alla rivolta scoppiata nei giorni scorsi nel quartiere milanese contro i vigili urbani, ‘rei’ di aver multato le auto in divieto di sosta lungo le corsie di scorrimento laterali in via Volvinio, dove passa un tram. I residenti hanno divelto cartelli stradali di divieto di sosta e bloccato il traffico per protesta contro le multe degli agenti. Nello stesso quartiere, in via Solari, il 5 novembre un dodicenne è stato travolto e ucciso da un tram mentre pedalava in bicicletta e cercava di evitare la portiera di un auto. Casi lontani, diversi? Forse, ma non è affatto sbagliato prevenirli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *