I carabinieri fermano auto guidata da bimbo di 2 anni

Il padre, un rom di 32 anni, di Pescara, ha la patente revocata dal Prefetto dal 1998, così pur di andare in auto, ha messo alla guida il figlio. Fin qui nulla di eccezionale se non fosse che il piccolo ha appena 2 anni. Già proprio così. Pensate, l’auto viaggiava lungo Villa del fuoco, sulla Tiburtina, una delle più frequentate dell’area metropolitana di Pescara come se al volante non ci fosse nessuno. Se ne sono accorti pure i carabinieri di un autopattuglia, che hanno incrociato il mezzo. Stupore, incredulità dei militari, che hanno invertito la marcia, hanno seguito l’auto per qualche centinaio di metri e poi hanno proceduto al controllo, appena si sono presentate le condizioni di sicurezza. L’uomo, che forse intendeva insegnare precocemente al figlio come si guida, è stato condotto in caserma per essere contravvenzionato e denunciato all’autorità giudiziaria per guida senza patente. La macchina è stata sottoposta a sequestro e affidata a una ditta. E’ il classico episodio, commentano gli stessi carabinieri, coordinati dal capitano Claudio Scarponi, “in cui la realtà supera l’immaginazione, una scena che ha dell’incredibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *