Lanciano, botto nella notte nel cortile del condominio dove vive il sostituto procuratore Vecchi

Sarà la polizia scientifica di Ancona a stabilire, sulla base dei rilievi eseguiti, se sia trattato di un atto intimidatorio o di un atto vandalico l’esplosione che la notte scorsa si è verificato nel cortile di un condominio in viale Cappuccini, a Lanciano. Un botto fragoroso, che ha lasciato segni sul pavimento ma non ha provocato danni. L’episodio, però, non è passato inosservato e non poteva esserlo dal momento che in quell’edificio vive da qualche mese, con la sua famiglia, il sostituto procuratore Rosaria Vecchi. E tanto è bastato a far aprire un fascicolo contro ignoti per danneggiamento da parte del procuratore capo Francesco Menditto. “Al momento non c’è nulla che lascia pensare che quanto avvenuto possa essere messo in relazione con qualcuno dei condomini – ha detto nel primo pomeriggio il magistrato in un incontro con i giornalisti -. Come è giusto che sia vogliamo esplorare qualunque strada perché questo ufficio non tralascia nulla. Nutriamo preoccupazione sul caso perché avvenuto qualche giorno dopo l’ingresso del nuovo anno”.

Ad allertate le forze dell’ordine stamattina sono stati i condomini. Polizia e carabinieri, insieme al sostituto procuratore Ruggero Dicuonzo si sono recati in viale Cappuccini per i primi rilievi. Sul pavimento del cortile, dove si affacciano due ingressi, davanti al civico 1b, una alone della circonferenza di tra gli 80 e 100 centimetri, lasciato dal botto. La scelta di sistemare lì il grosso petardo, proprio davanti a quel portone anziché l’altro, a pochi metri di distanza, ha accresciuto le esigenze investigative. Che non potranno contare sull’apporto di filmati di telecamere. Infatti, non risultano che ci siano sistemi di video sorveglianza posizionati verso l’edificio dove è avvenuto lo scoppio. Il cortile, tra l’altro, non è su viale Cappuccini, strada particolarmente frequentate anche d notte. Il sostituto Vecchi, non era in casa in quanto in ferie dal 30 dicembre scorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *