Roberto Straccia: la procura di Bari ha fissato il giorno dell’autopsia

Un ragazzo di 24 anni, tranquillo, solare, che quel 14 dicembre, prima di uscire da quell’appartamento che divideva con altri studenti fuori sede a Pescara, telefona agli amici per organizzare la festa di fine anno, può essersi tolto la vita? Si fa molta fatica ad immaginare un epilogo del genere. Senza contare poi che in venti giorni spesi in ricerche, qualcuno tra chi gli era più vicino avrebbe potuto raccontare di una delusione, di un dolore, motivi per aprire quella pista. Invece, nulla. Roberto è uscito per per andare a fare jogging, con un abbigliamento sportivo e con la voglia di mantenersi in forma, non di farla finita. Allora cosa è successo? Il fascicolo aperto dalla Procura della Repubblica per ‘istigazione al suicidio’, una formalità, consentirà adesso di avviare tutti quegli esami dai quali s’attende una risposta su come lo studente, che non sapeva nuotare, sia finito in acqua. Malore? Incidente? E’ stato spinto? “Se qualcuno sa qualcosa, ce lo dica, che sicuramente ci farà stare meglio – ha ripetuto oggi Mario Straccia. Dalla ricognizione cadaverica non sono state rilevate tracce di violenza, ma è poco per dare un senso a quanto avvenuto. Si dovrà procedere con l’esame del Dna e poi con l’autopsia. C’è da dare un nome a quel corpo trovato sul litorale barese il 7 gennaio anche se tutti gli elementi sin qui raccolti – gli indumenti che aveva indosso, le chiavi e il lettore ‘mp3’ che erano nelle tasche dei pantaloncini – fanno ritenere con quasi certezza che si tratta di Roberto. L’incarico è stato assegnato al medico legale Gianfranco Divella, dell’Istituto di Medicina Legale del Policlinico, che è stato il primo a compiere rilievi preliminari sul corpo e che compirà l’esame dopodomani. Per l’autopsia fissata per il prossimo 11 gennaio, torneranno a Bari, presumibilmente, i genitori e la sorella del giovane,  I genitori, per gli esami autoptici, potrebbero voler nominare un consulente di parte che assista alle indagini necroscopiche e alla rilevazione del Dna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *