Tribunali minori, ad Avezzano il vicepresidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Fabio Granata

Il vicepresidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Fabio Granata, ha partecipato oggi ad Avezzano ad un incontro promosso dagli avvocati marsicani nel contesto delle iniziative per la salvaguardia del tribunale del capoluogo marsicano. Accompagnato dal Coordinatore Regionale di FLI Daniele Toto e da quello cittadino Daniela Stati, il parlamentare, alla presenza di numerosi operatori della giustizia, ha manifestato il proprio impegno per far emergere le prerogative che sono alla base delle rivendicazioni e che rientrano tra i criteri previsti dalla legge di riforma per il mantenimento dei tribunali che non hanno sede nei capoluoghi di provincia. In questo senso, è stato ricordato, quello di Avezzano, per superficie, numero di abitanti e carico di lavoro, è il terzo in Abruzzo. Granata ha però chiarito che il suo interessamento, scevro da aspetti campanilistici, sarà orientato proprio a far emergere le caratteristiche esposte, senza dimenticare, tra l’ altro, che è ubicato in una zona dove le infiltrazioni mafiose sono note e ben radicate. Nel corso dell’incontro ha preso la parola anche il Giudice del Tribunale di Avezzano Stefano Venturini. Nel suo intervento ha ricordato che l’organico attuale è notevolmente sottodimensionato e che la sua eventuale soppressione rappresenterebbe un colpo mortale per l’ economia della zona. Senza dimenticare, ha proseguito, che il tribunale de L’Aquila, dopo i noti eventi calamitosi, non sarebbe in grado di far fronte anche elle esigenze di quello di Avezzano. Infine, un avvocato, nel suo intervento, ha fatto presente che l’Anas, di recente, ha presentato un dettagliato studio al Prefetto de L’Aquila, un vero e proprio dossier, in cui si fa presente che le strade del capoluogo di Regione, non sarebbero in grado di far fronte al notevole aumento di traffico che si determinerebbe nella eventualità gli operatori della giustizia e i cittadini della Marsica, sarebbe costretti a recarsi a L’Aquila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *